News, varie e brevi

Case green: l’asso nella manica dell’Italia può essere il Superbonus

La Direttiva Epbd chiede un risparmio del 16% dei consumi energetici degli edifici entro il 2030. Grazie al Superbonus, l’obiettivo è a portata di mano

La Direttiva Case green impone di arrivare a un risparmio del 16% dei consumi energetici degli edifici residenziali entro il 2030. Ebbene, grazie al Superbonus, questo obbiettivo potrebbe essere raggiunto a breve. Basta incrociare i dati Terna ed Enea.

Sono le parole dell’on. Santillo che, dati alla mano, dimostra come l’Italia si trovi in una posizione favorevole nella corsa verso la decarbonizzazione lanciata dalla Direttiva Case green.

La norma europea stabilisce di ridurre il consumo energetico degli edifici di circa 10 miliardi di kWh entro il 2030, pari al 16%. L’Italia sembra avere già un asso nella manica: il Superbonus. Grazie alla detrazione maggiorata, infatti, l’Italia ha già goduto di un risparmio energetico totale di 9.050,04 GWh/anno.

Cosa dicono i dati Terna ed ENEA sull’efficienza energetica

L’onorevole Santillo propone un’analisi incrociata dei dati forniti da Terna con il Report sull’efficienza energetica e sugli incentivi fiscali di ENEA.

Secondo Terna nel 2021 in Italia sono stati consumati circa 300 miliardi di kWh di energia elettrica, di cui 65 miliardi di kWh attribuibili ai consumi delle abitazioni private. Applicando il tasso di riduzione del 16% a questi 65 miliardi di kWh, si ottiene un risparmio di consumo pari a 10 miliardi di kWh.

Confrontando questo dato con quanto registrato da ENEA per l’anno 2022, si è osservato che grazie al Superbonus, il risparmio complessivo ottenuto da questa misura equivale a 9.050,04 GWh/anno. Si fa riferimento ai 352.100 progetti asseverati al 31 dicembre 2022, che corrispondono a circa 60,76 miliardi di euro di investimenti ammessi a finanziamento, di cui 45,2 miliardi per lavori conclusi.

Il Superbonus hanno incoraggiato un massiccio programma di riqualificazione energetica degli edifici; i dati ENEA Superbonus al 29 febbraio 2024 indicano che oltre 480.000 immobili interessati dai lavori di efficientamento energetico, con 114 miliardi di investimenti totali, è stato completato per il 93,6% degli interventi.

 

Per gestire al meglio tue pratiche Superbonus ed Ecobonus, puoi valutare un software per i bonus edilizi che ti aiuta con linee guida, check list, calcoli automatici e documentazione richiesta.

 

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Condono edilizio 2024: arriva il decreto “salva-casa”, testo in PDF

Pronto il condono edilizio 2024: il decreto "salva-casa" interviene su doppia conformità, tolleranze costruttive, attività…

24 Maggio 2024

CER e autoconsumo: il vademecum ANCI per i Comuni

La guida per i Comuni che vogliono sfruttare le opportunità legate all'autoconsumo e alle Comunità…

23 Maggio 2024

Un caso studio su Virtual Reality e Risk Assessment

Scopri come l'integrazione tra la Virtual Reality e il Risk Assessment ottimizzano l'efficienza e la…

23 Maggio 2024

Coefficiente di scambio termico: come si calcola?

Il coefficiente di scambio termico misura la capacità di un conduttore termico ad essere percorso…

23 Maggio 2024

Tettoia o portico, quale la differenza?

Il CdS traccia un identikit per la distinzione tra tettoia e porticato: la prima di…

23 Maggio 2024

Piattaforme di lavoro elevabili: guida INAIL su normativa e sicurezza

Disponibile il quaderno INAIL sulle piattaforme di lavoro elevabili. Scopri le novità normative dal confronto…

23 Maggio 2024