Home » Notizie » Certificazione energetica » Case green: il ruolo degli sportelli unici per la prestazione energetica

sportelli-unici-prestazione-energetica

Case green: il ruolo degli sportelli unici per la prestazione energetica

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La direttiva prevede la creazione su tutto il territorio nazionale di strutture di assistenza tecnica per la prestazione energetica entro il 28 maggio 2026

Gli obiettivi fissati dalla direttiva case green richiedono l’impegno degli stati a creare le condizioni favorevoli agli ingenti investimenti richiesti operando soprattutto sulla leva delle agevolazioni economiche.

I finanziamenti da soli, tuttavia, non consentiranno di soddisfare le esigenze in termini di ristrutturazioni.

Insieme ai finanziamenti, per disporre del quadro favorevole appropriato e abbattere gli ostacoli alla ristrutturazione è indispensabile creare strumenti di consulenza e di assistenza accessibili e trasparenti, tra cui sportelli unici per la prestazione energetica.

Cosa sono e a cosa servono gli sportelli unici

Previsti dall’art. 18 della direttiva, gli sportelli unici sono delle strutture di assistenza tecnica per la prestazione energetica edilizia rivolti a tutti gli operatori coinvolti nella ristrutturazione degli edifici, compresi i proprietari delle abitazioni, gli operatori amministrativi, finanziari ed economici, quali le PMI comprese le microimprese.

Gli sportelli unici:

  • forniscono un supporto globale a tutte le famiglie, con un’attenzione particolare alle famiglie in condizioni di povertà energetica e agli edifici con le prestazioni peggiori, nonché alle aziende e agli installatori accreditati che forniscono servizi di ammodernamento, adattati a diverse tipologie abitative e aree geografiche, e offrono un supporto che copra le diverse fasi del progetto di ammodernamento.
  • forniscono consulenza mediante informazioni semplificate sulle possibilità e le soluzioni tecniche e finanziarie per le famiglie, le PMI comprese le microimprese e gli enti pubblici;

In particolare, gli sportelli unici devono fornire consulenza indipendente sulla prestazione energetica degli edifici, aiutando i proprietari e gli inquilini a comprendere come migliorare l’efficienza energetica delle loro abitazioni accompagnando i programmi di ristrutturazione integrati a livello di distretto, garantendo che le misure di efficientamento energetico siano coordinate e integrate con le esigenze locali.

Infatti, la direttiva prevede i proprietari di immobili con Classe Energetica inferiore alla classe C sono chiamati, alla scadenza del proprio Attestato di Prestazione Energetica oppure passati 5 anni dal rilascio di quest’ultimo, a consultare uno Sportello Unico per ricevere consulenza in materia di ristrutturazione.

Gli Stati membri dell’Unione Europea sono tenuti entro il 28 maggio 2026 a rendere disponibili in tutto il loro territorio e a tal scopo istituiscono almeno uno sportello unico:

  • ogni 80.000 abitanti;
  • per regione;
  • nelle zone in cui l’età media del parco immobiliare è superiore alla media nazionale;
  • nelle zone in cui gli Stati intendono attuare i piani di ristrutturazione integrati a livello ristretto;
  • un luogo raggiungibile in meno di 90 minuti.

 

TerMus
TerMus
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *