Home » Notizie » Bonus mobili » Box auto ristrutturato: ok al bonus mobili

Bonus mobili con ristrutturazione box auto

Box auto ristrutturato: ok al bonus mobili

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

L’Agenzia delle Entrate ribadisce che è possibile abbinare la ristrutturazione di una pertinenza e l’acquisto agevolato di arredi ed elettrodomestici per casa

La detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici è un beneficio fiscale che può essere richiesto per arredare l’abitazione. Ma cosa accade se l’intervento di acquisto è collegato a lavori di manutenzione straordinaria su una pertinenza dell’immobile? È possibile richiedere la detrazione anche in questo caso?

Attraverso il noto canale online dell’Agenzia delle Entrate di “FiscoOggi”, un contribuente ha posto il seguente quesito:

Ho effettuato opere di manutenzione straordinaria al box di pertinenza dell’abitazione. Successivamente ho acquistato alcuni mobili per la stessa casa. Posso usufruire della detrazione del 50% prevista dal “Bonus mobili”, anche se i lavori sono stati realizzati solo sulla pertinenza dell’appartamento?

Ti ricordo che grazie alla libreria di oggetti 3D inclusa nel software progettazione interni puoi scegliere i mobili che vuoi acquistare usufruendo del bonus mobili 2024 e rappresentare in modo realistico le tue scelte progettuali inserendole nella realtà che ti interessa.

Nozione di pertinenza

In passato l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che quando sussiste il requisito di “prossimità” tra box auto e abitazione, il box auto può essere considerato come “pertinenza”. In particolare, è necessario far luce sulla nozione di pertinenza dal punto di vista fiscale, che, come chiarito dal Fisco con la risoluzione 11 aprile 2008, n. 149/E, è uguale a quella fornita dal Codice Civile, secondo cui:

Sono pertinenze le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un’altra cosa. La destinazione può essere effettuata dal proprietario della cosa principale o da chi ha un diritto reale sulla medesima.

In pratica, per la qualificazione della natura pertinenziale di un bene anche da un punto di vista fiscale si deve verificare la sussistenza di due requisiti, rispettivamente uno oggettivo e l’altro soggettivo:

  • il bene pertinenziale deve porsi in collegamento funzionale o strumentale con il bene principale;
  • l’effettiva volontà dell’avente diritto di destinare durevolmente il bene accessorio a servizio od ornamento del bene principale (cfr. anche Cass. n. 13742 del 2019).

Alla luce della normativa e di precedenti pronunce, ecco i requisiti evidenziati dall’Agenzia delle Entrate che il bene pertinenziale deve possedere:

  • deve porsi in collegamento funzionale o strumentale con il bene principale;
  • deve emergere l’effettiva volontà dell’acquirente di destinare durevolmente il bene accessorio a servizio od ornamento del bene principale;
  • deve essere evidenziato nell’atto di acquisto il vincolo rispetto al bene principale;
  • l’utilità deve essere arrecata al bene principale e non al proprietario;
  • tra bene principale e pertinenza deve esserci contiguità.

In merito all’ultimo requisito, della contiguità, il Fisco ha sottolineato che esiste vincolo pertinenziale se tra i due beni c’è un collegamento durevole ed attuale: i due beni devono essere ubicati in luoghi “prossimi” tra loro.

Bonus mobili e ristrutturazione box auto: una combinazione possibile purché sussista il requisito della pertinenzialità

La risposta al quesito del contribuente è affermativa. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito più volte che la detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici spetta anche quando questi beni sono destinati ad arredare l’abitazione, anche se l’intervento cui è collegato l’acquisto è stato effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso. Questo significa che, se si sono effettuati lavori di manutenzione straordinaria al box auto e successivamente si sono acquistati mobili per la propria casa, si può ancora usufruire della detrazione del 50%.

Condizioni per richiedere la detrazione

Per richiedere la detrazione del 50%, occorre soddisfare alcune condizioni specifiche. Innanzitutto:

  • occorre acquistare mobili ed elettrodomestici per arredare l’abitazione riferita al box auto pertinenziale;
  • bisogna sostenere le spese relative all’acquisto di questi beni;
  • la detrazione sarà usufruibile in dieci rate annuali di pari importo.

Informazioni sulle condizioni di utilizzo

Il Fisco ricorda che maggiori informazioni sul tema sono disponibili nella guida “Bonus mobili ed elettrodomestici” realizzata dall’Agenzia delle Entrate. Questa guida fornisce dettagliate informazioni sulle condizioni di utilizzo della detrazione e sulle procedure da seguire per richiedere il beneficio.

 

Edificius

 

Edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *