scambio di chiavi tra due persone

Bonus ristrutturazioni e vendita parziale immobile agevolato: no al trasferimento dell’agevolazione

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Per il Fisco la vendita parziale di un immobile ristrutturato attraverso le agevolazioni fiscali non trasferisce all’acquirente anche le rate residue dell’agevolazione

Sulla rivista telematica “FiscOggi” l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito in merito alla possibilità di trasferimento al nuovo acquirente delle rate residue del bonus ristrutturazioni, goduto su una porzione dell’immobile ceduto.

In particolare un  contribuente pone la seguente domanda:

Sto usufruendo della detrazione del 50% per una ristrutturazione edilizia fatta nel 2016 sull’abitazione di mia proprietà. Se vendo il 50% dell’immobile le rate residue di detrazione spettano all’acquirente?

Il parere del Fisco

L’agenzia delle Entrate chiarisce che il trasferimento di una quota dell’immobile (e non del 100%) non determina un analogo trasferimento del diritto alla detrazione, che avviene solo quando viene ceduto l’intero immobile.

Pertanto, in tali circostanze l’utilizzo delle rate residue rimane in capo al venditore.

A parere del Fisco, soltanto in un caso le detrazioni residue si trasmettono all’acquirente, e sempre che nell’atto di compravendita non sia specificato diversamente: quando, per effetto della cessione della quota, chi acquista diventa proprietario esclusivo dell’immobile.

Il bonus ristrutturazioni

Ricordiamo che la legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020) ha previsto il rinnovo dei principali bonus in edilizia per tutto il 2021.

In particolare la lettera b), n. 1, del comma 58, delle legge 178/2020 modifica l’articolo 16 della legge n. 90/2013, in materia di interventi di ristrutturazione edilizia, prorogando al 31 dicembre 2021 la misura della detrazione al 50%, fino ad una spesa massima di 96.000 euro.

Ricordiamo la detrazione riguarda interventi, classificati secondo il dpr 380/2001, di:

  • manutenzione ordinaria solo sulle parti comuni di edifici residenziali;
  • manutenzione straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ristrutturazione edilizia (sulle parti comuni di edificio residenziale e sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale).

 

Clicca qui per scaricare la guida delle Entrate sul bonus ristrutturazioni

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *