persona che aggiunta un condizionatore

Impianto di climatizzazione: rientra nel bonus mobili?

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ok al bonus mobili se l’intervento sull’impianto di climatizzazione a pompa di calore è riconducibile alla manutenzione straordinaria

Nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate in merito al bonus mobili, la detrazione collegata al bonus ristrutturazioni che prevede una detrazione Irpef del 50%, calcolata su un massimo di 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Nello specifico la domanda posta da un contribuente (sulla rivista FiscoOggi) è la seguente:

Nell’anno in corso ho fatto installare un impianto di climatizzazione invernale ed estiva a pompa di calore. Posso fruire anche del bonus mobili?

L’Agenzia delle Entrate ribadisce che l’installazione di un condizionatore a pompa di calore su un immobile residenziale rientra tra gli interventi di manutenzione straordinaria per i quali si può usufruire della detrazione Irpef del 50% della spesa sostenuta.

Lo stesso intervento, precisa il Fisco, può usufruire anche del bonus mobili se sono presenti determinate condizioni: è necessario che l’intervento sull’abitazione sia riconducibile almeno alla manutenzione straordinaria e, quindi, come chiarito nella circolare n. 19/2020, l’installazione o l’integrazione di un impianto di climatizzazione invernale ed estiva a pompa di calore rientrano in tale categoria di intervento.

Nel caso in esame, quindi, è possibile beneficiare anche del bonus mobili per l’installazione di un impianto di climatizzazione a pompa di calore.

 

Clicca qui per scaricare la circolare n. 19/2020

 

praticus-ta
praticus-ta

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *