Bonus-Facciate-parapetti-balconi

Bonus Facciate anche per i corpi illuminanti?

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Entrate: ok per le spese sostenute per l’intervento sui parapetti dei balconi. Per l’illuminazione, la detrazione spetta solo se si rende necessaria per “motivi tecnici”

Con l’interpello n. 482/2021 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle spese sono detraibili al 90% con il bonus facciate.

Il quesito posto al Fisco

Una società intende effettuare dei lavori di restauro dei parapetti dei balconi di un hotel fruendo del “bonus facciate”.

Il contribuente vorrebbe intervenire sui parapetti dei balconi, che attualmente sono costituiti da ringhiere metalliche e parti in vetro ed inoltre prevedere l’illuminazione dei balconi con corpi illuminanti da posizionare a soffitto o a parete.

Al fine di migliorare l’estetica del fabbricato, la Società intende modificare i parapetti, aumentando la superficie delle porzioni vetrate, a discapito della parte metallica che, visto l’ambiente particolarmente aggressivo dovuto alla vicinanza del mare, è soggetta a continui e ripetuti interventi di manutenzione.

In  alternativa, e a discrezione della stessa società, si modificherà il disegno della ringhiera metallica, sostituendo in ogni caso il vetro, oramai obsoleto, con nuovi elementi, dello stesso materiale, ma con migliori caratteristiche in termini di sicurezza.

Inoltre, è prevista l’installazione di corpi illuminanti a soffitto/parete, in corrispondenza degli stessi balconi, al fine di rendere gradevole la vista e dare risalto all’architettura dell’edificio anche nelle ore notturne.

Tutto ciò premesso, l’istante chiede se tali interventi possano beneficare del bonus facciate.

La risposta delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate fa presente che il bonus facciate spetta per le spese sostenute per l’intervento sui parapetti dei balconi, trattandosi di elementi costitutivi del balcone stesso (cfr. risposta n. 289 del 2020 e Circolare n. 2/E del 2020).

Con riferimento all’installazione dei corpi illuminanti a soffitto o a parete, nel presupposto che si tratti di opere accessorie e di completamento dell’intervento sulle facciate esterne nel suo insieme i cui costi sono strettamente collegati alla realizzazione dell’intervento stesso (cfr. risposta n. 520 del 2020), il bonus facciate spetta nel caso in cui tali interventi si rendessero necessari per motivi “tecnici”.

Tale aspetto sarebbe desumibile dai documenti di progetto degli interventi nel loro complesso.

 

Clicca qui per scaricare l’interpello 482/2021

 

termus
termus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *