Rinnovabili ed edilizia sostenibile

Bonus colonnine domestiche 2024, si può presentare domanda

Dal 15 febbraio e fino al 14 marzo 2024 è possibile chiedere il contributo per l’installazione di colonnine domestiche di ricarica

Il Ministero delle imprese e del Made in Italy ha riaperto lo sportello telematico per richiedere le agevolazioni relative alle colonnine domestiche per la ricarica di veicoli elettrici.

Le domande di contributo possono essere presentate da coloro che hanno acquistato e installato l’infrastruttura di ricarica nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2023 e il 31 dicembre 2023 e non hanno potuto presentare la domanda completa della documentazione richiesta entro il termine di chiusura del precedente sportello

Le istanze possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 15 febbraio 2024 e fino alle ore 12:00 del 14 marzo 2024, utilizzando la piattaforma informatica disponibile online.

Bonus colonnine domestiche 2024: cos’è e quali contributi prevede

Il Bonus Colonnine domestiche è un contributo per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di potenza standard per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, effettuati da utenti domestici (persone fisiche e condomìni), in attuazione di quanto previsto dal D.P.C.M. del 4 agosto 2022.

Il bonus per le colonnine domestiche prevede un incentivo pari all’80% del costo di acquisto e installazione delle infrastrutture entro un limite di:

  • 1.500 euro per i singoli utenti
  • 8.000 euro nel caso di installazioni nelle parti comuni dei condomini.

Il contributo può essere richiesto a fronte delle spese sostenute per l’acquisto e la messa in posa di infrastrutture di ricarica di potenza standard.

Sono ammissibili al contributo le seguenti spese:

  1. l’acquisto e la messa in opera di infrastrutture di ricarica, ivi comprese – ove necessario – le spese per l’installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio;
  2. spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi;
  3. costi per la connessione alla rete elettrica, tramite attivazione di un nuovo POD (point of delivery).

Le spese devono essere oggetto di pagamento tracciabile. Ai fini dell’ammissibilità al contributo, le infrastrutture di ricarica devono essere:

  1. nuove di fabbrica;
  2. di potenza standard;
  3. collocate nel territorio italiano e in aree nella piena disponibilità dei soggetti beneficiari;
  4. realizzate secondo la regola d’arte ed essere dotate di dichiarazione di conformità ai sensi del decreto ministeriale n. 37/2008.

Oltre ai predetti requisiti le infrastrutture di ricarica devono:

  • essere ad esclusivo uso privato e non accessibili al pubblico, nel caso in cui il contributo sia richiesto da una persona fisica;
  • essere destinate all’utilizzo collettivo da parte dei condòmini e non accessibili al pubblico nel caso in cui il contributo sia richiesto da un condominio.

Come presentare domanda per il bonus colonnine domestiche 2024

Per fare richiesta, gli interessati devono utilizzare la piattaforma online. L’accesso può essere effettuato tramite SPID, CIE o CNS e una volta autenticati, si procede con la compilazione del modulo elettronico seguendo le istruzioni fornite.

La concessione del contributo, nel limite delle risorse finanziarie disponibili, avviene entro 90 giorni dal termine per la presentazione delle domande, attraverso un provvedimento cumulativo

Nei mesi scorsi il Ministero ha pubblicato già 2 bandi:

  • nel 2023, i termini di apertura e chiusura delle domande per le installazioni fino al 23 novembre sono scaduti il 23 novembre 2023;
  • nel 2022, le domande relative alle installazioni fatte nel corso dell’anno si sono chiuse il 2 novembre 2023.

Bonus colonnine domestiche 2024 vs Bonus colonnine per imprese e professionisti

Il bonus colonnine domestiche, rivolto ai privati e condomini per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici, si affianca al bonus colonnine di ricarica per professionisti e imprese, che prevede un contributo del 40% per tutte le spese ammissibili sostenute dopo il 4 novembre 2021 relative alla costruzione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici, destinato sia alle imprese che ai professionisti.

Per una panoramica dettagliata delle principali linee guida dell’agevolazioni, ti suggerisco di consultare l’articolo sul bonus colonnine di ricarica per professionisti e imprese.

Per la progettazione tecnica e dalla simulazione economica di qualsiasi impianto fotovoltaico collegato alla rete elettrica, considera l’utilizzo di un software per il fotovoltaico in prova gratuita per 30 giorni.

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Direttiva “case green”: ok definitivo del Consiglio UE, le novità

Inizia l'era "case green": nuovo piano nazionale di ristrutturazioni, edifici solar-ready, stop alle caldaie a…

12 Aprile 2024

Superbonus: stop a cessione del credito e sconto in fattura

Dal D.L. 39/2024 stretta definitiva a sconto in fattura, cessione del credito e remissione in…

12 Aprile 2024

Il cambio d’uso di un ambiente modifica il volume totale del fabbricato?

Secondo il CdS il cambio di destinazione d'uso di un ambiente nel tempo non può…

11 Aprile 2024

Appalti sottosoglia con gara: ok dell’ANAC

Per gli appalti sottosoglia il RUP può preferire la procedura aperta all'affidamento diretto, tenendo conto…

11 Aprile 2024

Forum europeo sull’openBIM: ruolo, obiettivi e Paesi membri

openBIM forum EU è l'iniziativa lanciata da BSi per guidare il settore delle costruzioni verso…

11 Aprile 2024

DEF 2024: novità e prospettive per l’edilizia

Il Superbonus pesa sul debito pubblico. Si punta alla revisione dei crediti di imposta, al…

11 Aprile 2024