Home » BIM Topic » BIM e Facility Management » I 6 principali benefici del construction management

I 6 principali benefici del construction management

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Da una comunicazione più efficiente al miglioramento della qualità dei progetti. Scopri i 6 principali benefici del construction management


Per riuscire ad ottenere un risultato progettuale di qualità è fondamentale un processo di monitoraggio delle attività costruttive e una gestione efficiente delle eventuali problematiche attraverso specifici software di gestione per l’edilizia. Un processo di questo tipo prende il nome di Construction Management.

Vediamo insieme in questo articolo quali sono i suoi benefici e in cosa si distingue dal Project Management.

Quali sono i 6 principali benefici del construction management?

Gestire in modo professionale il processo costruttivo, supervisionando sul corretto svolgimento delle varie attività e sul raggiungimento dei differenti obiettivi – qualitativi, di tempi e di budget -porta con sé una serie di vantaggi. Di seguito elenchiamo i 6 principali benefici che il Construction Management, tenendo presente che questo elenco raggruppa appunto i principali ma non gli unici vantaggi generati da questo processo di supervisione costruttiva:

  1. completamento più efficiente del progetto: l’efficienza rappresenta il primo grande vantaggio del processo di gestione delle costruzioni. La presenza, infatti, del construction manager che si occupa della supervisione delle varie fasi della costruzione garantisce che il processo costruttivo segua gli step come da pianificazione ottenendo un prodotto di qualità e un workflow efficiente;
  2. migliore comunicazione: una comunicazione chiara e aperta su ogni livello è indispensabile per evitare fraintendimenti e garantire la risoluzione celere di eventuali problematiche. La figura del construction manager rappresenta una sorta di ponte che consente una comunicazione efficiente e risolutiva tra i vari attori del processo costruttivo;
  3. riduzione dei rischi: i rischi connessi alle varie fasi e attività del processo costruttivo sono certamente molti e nonostante sia impossibile ridurli a zero, il construction management comporta che la probabilità che si verifichino rischi ed imprevisti sia nettamente ridotta;
  4. trasparenza e responsabilità progettuale: il construction manager ha sempre una visione chiara e puntuale del processo costruttivo, delle sue fasi e dei suoi obiettivi. Si avrà dunque la certezza di non trascurare nessun dettaglio progettuale e di rispettare quanto rientri sotto la responsabilità di ciascun attore del processo;
  5. risparmio di tempi e costi: la presenza di un construction manager consente di comprimere considerevolmente i passaggi del processo costruttivo, evitando il verificarsi di imprevisti e potenziando, come abbiamo visto, la comunicazione su più livelli. Questo permette di rispettare i tempi pianificati e soprattutto di rientrare nel budget progettuale preventivato;
  6. sicurezza legale: un sistema professionale di gestione per l’edilizia garantisce il rispetto di ogni normativa, standard e contratto nonché il controllo di tutti gli aspetti legali che costellano il workflow costruttivo.
I 6 vantaggi del Construction Management

I 6 vantaggi del Construction Management

Quali sono gli obiettivi del processo di gestione delle costruzioni?

La gestione delle costruzioni, detta anche construction management, monitora il processo costruttivo in tutte le sue fasi e attività, con lo scopo di realizzare un progetto che rispetti gli standard qualitativi, i tempi e i costi previsti e che soddisfi le aspettative dei committenti.

Dietro il raggiungimento di questi obiettivi c’è la figura del construction manager che:

  • pianifica efficienti e puntuali sistemi di monitoraggio e supervisione;
  • collabora con tutti gli stakeholders del progetto – committenti, progettisti, appaltatori, etc.

Più in generale gli obiettivi del construction management sono:

  • determinare le esigenze progettuali in termini di costruzione;
  • sviluppare e valutare proposte e offerte riguardo materiali da costruzione, beni, attrezzature e servizi vari connessi al workflow costruttivo;
  • pianificare le attività costruttive in modo che rientrino nei tempi e nel budget stabiliti;
  • gestire e controllare la qualità e la sicurezza;
  • pianificare regolari ispezioni e gestire la documentazione di progetto.

In altre parole, la gestione delle costruzioni supervisiona su tutti gli aspetti del workflow costruttivo per garantire il successo del progetto finale e soddisfare le esigenze tanto del cliente quanto del team di lavoro.

Quali sono le differenze tra construction management e project management?

Il ruolo del construction manager (CM) può risultare spesso complesso e pieno di responsabilità, fortunatamente questa figura collabora con gli altri professionisti del settore delle costruzioni, tra cui il Project Manager (PM). Capita che il ruolo di queste due figure sia confuso e/o invertito come anche il significato stesso di construction e project management. Nonostante questi due processi del mondo delle costruzioni lavorino fianco a fianco e condividano lo scopo di un progetto di qualità, tra di loro vi sono anche importanti differenze che riguardano:

  • fasi: il project management si interessa di tutte le fasi del processo progettuale mentre il construction management entra in gioco principalmente quando iniziano le attività di costruzione;
  • attività: il PM gestisce le attività legate alle fasi di progettazione mentre il CM supervisiona sulle attività che subentrano durante la costruzione;
  • responsabilità: il PM, mediante il supporto di software specifici come i BIM project management software, si occupa principalmente di gestione del budget, del team e di schedule monitoring, mentre il CM si occupa invece di gestire le spese, di pianificare e realizzare un piano di ispezioni e di gestire eventuali imprevisti e cambi lungo il processo costruttivo.
Differenze tra Project Management e Construction Management

Differenze tra Project Management e Construction Management

Ciò che sicuramente i due processi condividono è l’uso di specifici software che aiutano nella gestione delle attività e nella risoluzione delle problematiche. Nel caso della gestione delle costruzioni, fare uso di appositi construction management software vuol dire garantire una comunicazione efficiente e una gestione delle problematiche fino alla loro risoluzione. Non ti resta che provarlo attivando il mese di prova gratuito.

 

usbim-resolver
usbim-resolver
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *