Home » Notizie » Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro » Nuove barriere di sicurezza in autostrada, le linee guida del Mit

Linee guida sulle barriere di sicurezza

Nuove barriere di sicurezza in autostrada, le linee guida del Mit

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Definiti i criteri che individuano le priorità degli interventi di sostituzione e riqualificazione delle barriere di sicurezza in base alla pericolosità delle arterie

L’UIT (Ufficio Ispettivo Territoriale) di Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha notificato alle società concessionarie autostradali di competenza le innovative linee guida per la sostituzione e la riqualificazione delle barriere di sicurezza installate sulle infrastrutture.

Il documento, emanato per le società concessionarie di competenza dell’UIT di Roma, sono sicuramente consultabili e valide per tutte le strade ed autostrade italiane.

Obiettivo delle linee guida è di ridurre ed evitare incidenti mortali che quotidianamente avvengono su strade ed autostrade, come la tragedia di Acqualonga (AV) nel 2013, quando un bus è deragliato sfondando proprio le barriere stradali e hanno perso la vita 40 persone.

La finalità è quella, quindi, di aumentare la messa in sicurezza delle infrastrutture, impartendo ai concessionari direttrici chiare e obbligandoli a sostituire le barriere di sicurezza vetuste esistenti con sistemi di nuova generazione più performanti, a partire dai tratti più pericolosi.

Le linee guida definiscono i criteri che consentono di individuare le priorità degli interventi in base alla pericolosità delle arterie grazie ad un indice di prestazione generale che serve a calcolare:

  • la velocità del progetto
  • il tasso di incidente del tratto
  • la classe di contenimento della barriera ed esposizione della strada stessa (ad esempio in prossimità di ferrovie, ospedali, scuole o aree urbanizzate).

 

Clicca qui per accedere al sito del Mit

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *