“Bando-tipo” dell’AVCP: ecco i dettagli su come redigere i bandi di gara

Lo schema contiene le cause tassative di esclusion, le indicazioni per limitare il potere discrezionale delle stazioni appaltanti, le regole per garantire il rispetto del principio della concorrenza.

L’AVCP ha pubblicato la Determinazione 4/2012 contenente il “bando-tipo”, ossia il quadro di riferimento giuridico in base al quale le stazioni appaltanti sono tenute a redigere la documentazione di gara e ad individuare le cause effettive di esclusione dalla gara stessa.
In base a quanto previsto dalla Legge 163/2006 (Codice dei Contratti Pubblici) le cause di esclusione da una gara devono essere indicate nei modelli approvati dall’Autorità, al fine di standardizzare le procedure di gara ed incentivare la partecipazione delle imprese alle gare indette dalla Pubblica Amministrazione.

Lo schema contiene:

  • le 80 cause tassative di esclusione dalla gara al fine di ridurre il contenzioso
  • le 80 indicazioni chiare e puntuali che hanno il preciso intento di limitare drasticamente il potere discrezionale delle stazioni appaltanti
  • le 80 regole per garantire il rispetto del principio della concorrenza

Stabilite le regole generali del “bando-tipo” nella Determinazione, l’Autorità ha precisato che procederà ad elaborare specifici bandi tipo per ogni categoria di gara (lavori, servizi o forniture), contenenti anche ulteriori e puntuali indicazioni sulla gestione della gara.

Clicca qui per scaricare la Determinazione 4/2012 dell’AVCP

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *