Home » Notizie » Lavori pubblici » Nuovo codice: il primo bando tipo ANAC soprasoglia

Primo bando tipo ANAC soprasoglia

Nuovo codice: il primo bando tipo ANAC soprasoglia

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Pubblicata la delibera ANAC n. 309 contente il primo bando-tipo

L’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) con la delibera 309 del 27 giugno 2023 ha approvato il bando tipo n. 1 per l’affidamento dei contratti pubblici di servizi e forniture di importo superiore alle soglie europee di cui all’art. 14 del D.Lgs. 36/2023 (140.000 €/215.000 €).

Lo scopo principale è quello di fornire le indicazioni operative per tutte le stazioni appaltanti alle prese con il nuovo codice e i nuovi bandi. Viste le numerose novità introdotte dal codice appalti, ti consiglio di affidarti ad unico interlocutore in grado di assisterti sui nuovi adempimenti per le stazioni appaltanti.

Bando tipo n. 1

Secondo quanto stabilito dall’art. 222, comma 2 del D.Lgs. 36/2023 l’ANAC deve fornire supporto alle stazioni appaltanti attraverso l’elaborazione di bandi-tipo, capitolati-tipo, contratti-tipo e altri atti amministrativi generali, con lo scopo di uniformare le procedure di gara.

L’Ente, in ottemperanza a tali disposizioni, ha già pubblicato il primo bando tipo per servizi e forniture soprasoglia.

Il documento pubblicato disciplina i bandi di gara di forniture e servizi sopra soglia di rilevanza europea, nei settori ordinari da svolgersi con la formula dell’offerta economicamente più vantaggiosa (OEPV).

Ricordiamo, che la soglia dell’Unione Europea per gli affidamenti di beni e servizi al momento è stabilita a quota 215.000 € per le amministrazioni sub-centrali (140.000 € per quelle centrali).

Per  l’elaborazione di tale il modello l’ANAC ha istituito un tavolo di lavoro in cui hanno partecipato:

  • Consip;
  • Invitalia;
  • Itaca;
  • Fondazione Ifel.

Ti allego il bando tipo n. 1 2023

La struttura del bando tipo n. 1

  • piattaforma telematica;
  • piattaforma telematica di negoziazione;
  • dotazioni tecniche;
  • identificazione;
  • documentazione di gara, chiarimenti e comunicazioni;
  • documenti di gara;
  • chiarimenti;
  • comunicazioni;
  • oggetto dell’appalto, importo e suddivisione in lotti;
  • durata;
  • revisione prezzi;
  • modifica del contratto in fase di esecuzione;
  • soggetti ammessi in forma singola e associata e condizioni di partecipazione;
  • requisiti di ordine generale e altre cause di esclusione;
  • requisiti di ordine speciale e mezzi di prova;
  • requisiti di idoneità professionale;
  • requisiti di capacità economica e finanziaria;
  • requisiti di capacità tecnica e professionale;
  • indicazioni sui requisiti speciali nei raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, Geie;
  • indicazioni sui requisiti speciali nei consorzi di cooperative, consorzi di imprese artigiane, consorzi stabili;
  • avvalimento;
  • subappalto;
  • requisiti di partecipazione e/o condizioni di esecuzione;
  • garanzia provvisoria;
  • pagamento del contributo a favore dell’ANAC;
  • modalità di presentazione dell’offerta e sottoscrizione dei documenti di gara;
  • soccorso istruttorio;
  • domanda di partecipazione e documentazione amministrativa;
  • domanda di partecipazione ed eventuale procura;
  • dichiarazioni da rendere a cura degli operatori economici ammessi al concordato preventivo con continuità aziendale di cui all’articolo 372 del decreto legislativo 12 gennaio 2019 , n. 14;
  • documentazione in caso di avvalimento;
  • documentazione ulteriore per i soggetti associati;
  • offerta tecnica;
  • offerta economica;
  • criterio di aggiudicazione;
  • criteri di valutazione dell’offerta tecnica;
  • metodo di attribuzione del coefficiente per il calcolo del punteggio dell’offerta tecnica;
  • metodo di attribuzione del coefficiente per il calcolo del punteggio dell’offerta economica;
  • metodo di calcolo dei punteggi;
  • commissione giudicatrice;
  • svolgimento delle operazioni di gara;
  • verifica documentazione amministrativa;
  • valutazione delle offerte tecniche ed economiche;
  • verifica di anomalia delle offerte;
  • verifica della documentazione amministrativa;
  • aggiudicazione dell’appalto e stipula del contratto;
  • obblighi relativi alla tracciabilità dei flussi finanziari;
  • codice di comportamento;
  • accesso agli atti;
  • definizione delle controversie;
  • trattamento dei dati personali.

Infine, visti i continui aggiornamenti attesi, ti consiglio di affidarti ad un unico interlocutore in grado di assisterti al meglio.

 

 

bim-codice-appalti
bim-codice-appalti

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *