Home » Notizie » Lavori pubblici » Bando Sport Missione Comune 2024 al via: 100 milioni per Comuni

bando sport missione comune 2024

Bando Sport Missione Comune 2024 al via: 100 milioni per Comuni

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

“Sport Missione Comune 2024” sostiene con contributi in conto interesse la riqualificazione degli impianti sportivi promossa da Comuni, Province e Regioni

L’Istituto per il Credito Sportivo (ICS) ha pubblicato il nuovo bando “Sport Missione Comune 2024” con l’obiettivo di sostenere gli interventi di riqualificazione e di efficientamento energetico degli impianti sportivi connessi anche ai progetti PNRR.

Lo stanziamento ha un valore complessivo di 100 milioni di euro ed è destinato all’abbattimento degli interessi sui mutui a tasso fisso contratti dagli enti locali e territoriali.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenta un’occasione irripetibile di crescita economica, sostenibile ed inclusiva.

Per gestire al meglio i progetti finanziati, ti consiglio di provare:

Beneficiari del progetto “Sport Missione Comune 2024

Il bando “Sport Missione Comune 2024” è rivolto a Comuni, Unioni di Comuni, Comuni in forma associata, Città Metropolitane, Province e Regioni che intendono realizzare direttamente o mediante contributi agli investimenti, finanziati da debiti, interventi relativi ad impianti sportivi pubblici.

Importi agevolati dall’Istituto per il Credito Sportivo (ICS)

Il bando promosso dall’ICS stanzia 100 milioni di euro per l’assegnazione di contributi in conto interessi sui mutui a tasso fisso e a tasso d’interesse completamente abbattuto da stipulare entro il 31/12/2024.

L’importo massimo agevolabile per ogni progetto è di:

  • 2 milioni di euro per i piccoli comuni (fino a 5.000 abitanti);
  • 4 milioni di euro per i comuni superiori ai 5.000 abitanti fino a 100.000, le unioni dei comuni in forma associata;
  • 6 milioni di euro per i comuni oltre i 100.000 abitanti.

Le istanze ammesse usufruiranno di contributi per l’abbattimento totale degli interessi della durata massima di:

  • 15 anni se relative ad interventi prioritari;​
  • 10 anni, se relative a interventi non prioritari.

Nel caso in cui i mutui abbiano durata superiore a quella massima agevolabile, il “contributo” concesso sarà distribuito sull’intera durata del mutuo, suddiviso in quote di eguale importo su ciascuna rata d’ammortamento.

 

PriMus Online

 

PriMus Online

 

Cosa finanzia il bando “Sport Missione Comune 2024”

Il bando Sport missione comune finanzia le seguenti opere:

  • costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, compresa l’acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva e le piste ciclabili;
  • maggiori spese dovute a variazioni di prezzo conseguenti all’aumento dei costi dei materiali da costruzione;
  • copertura delle spese per perizie suppletive o maggiori spese per prescrizioni e adeguamento a norme;
  • copertura della quota di contributo regionale o nazionale o europeo in conto capitale ridotto dall’Ente concedente successivamente all’appalto delle opere;
  • il cofinanziamento ai bandi PNRR, bandi regionali, Banda Sport e Periferie, contributi per investimenti, contributi ai Comuni per le opere pubbliche ecc.

I progetti ammessi a contributo dovranno essere muniti del parere favorevole del CONI.

Come presentare le domande di accesso al fondo “Sport Missione Comune 2024”

Gli enti potranno presentare le proprie istanze sul portale credito sportivo fino alle ore 23:59 del 30 settembre 2024 complete della documentazione prevista per l’ammissione al Contributo (compreso il Parere favorevole del CONI).

Esempi di progetti di impianti sportivi

La realizzazione di impianti sportivi è soggetta alle norme sulle costruzioni edilizie in generale (norme urbanistiche, norme tecniche per le costruzioni, norme di sicurezza) ed a norme specifiche stabilite dagli enti sportivi (Coni e Federazioni sportive), per quanto riguarda campi di gara, attrezzature e servizi. Il progettista dell’impianto sportivo deve garantire il rispetto di tutte le norme citate in modo da superare tutti i controlli previsti ed ottenere tutte le necessarie autorizzazioni ed omologazioni previste per l’esercizio dell’impianto sportivo.

Oltre a tutte le norme che devono essere rispettate quando si progetta un’opera edile, la realizzazione di un impianto sportivo deve seguire regole specifiche emanate da organi istituzionali e organi sportivi.

Al riguardo, ti rimando ad un articolo di approfondimento nel quale avrai la possibilità di scaricare 6 progetti di impianti sportivi, le guide e molto altro.

Edilizia-sportiva-focus

Edilizia-sportiva-focus

Ti consiglio il software per la progettazione edilizia che ti consentirà di progettare in modo semplice e veloce per integrare architettura, interior design, outdoor design, impianti e tutti gli altri ambiti della progettazione edilizia.

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *