Home » Notizie » Opere edili » Fondo demolizioni opere abusive: pubblicato il bando 2024

Opere abusive e fondo demolizioni per comuni

Fondo demolizioni opere abusive: pubblicato il bando 2024

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

I Comuni possono presentare domanda dal 16 settembre I contributi coprono il 50% del costo degli interventi di rimozione o di demolizione

Dal 16 settembre 2024 al 16 ottobre 2024 i Comuni possono presentare domanda di accesso al Fondo per la demolizione delle opere abusive di cui alla legge 205/2017, art. 1, comma 26.

Scopriamo tutti i dettagli del Fondo e i criteri di ammissione ai contributi previsti dal Decreto interministeriale 254/2020.

Per essere sicuro che i tuoi piani delle demolizioni siano sempre in linea con quanto previsto dal D.Lgs. n. 81/2008 (artt. 150, 151, 152, 153, 154 e 155), ti consigliamo un software per i piani di demolizione in grado di guidarti correttamente.

Chi può accedere al Fondo demolizioni

Possono presentare la domanda di concessione del contributo i Comuni nel cui territorio ricadono l’opera o l’immobile realizzati in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire di cui all’art. 31 del D.P.R. 380/2011 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia).

Le risorse disponibili sono utilizzate prioritariamente in relazione agli abusi riguardanti edifici o ampliamenti edilizi con volumetrie pari o superiori a 450 m3 insistenti sulle seguenti aree:

  • aree demaniali o di proprietà di altri enti pubblici;
  • aree a rischio idrogeologico;
  • aree sismiche con categoria di sottosuolo A, B, C, D, di cui al D.M. 17/01/2018;
  • aree sottoposte a tutela ai sensi del D.Lgs. 42/2004;
  • aree sottoposte a tutela delle aree naturali protette appartenenti alla rete natura 2000.

Come possono essere utilizzati i contributi del Fondo demolizioni

Il contributo ha ad oggetto le spese connesse agli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire di cui all’art. 31 del D.P.R. 380/2011, per i quali è stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti.

Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonché quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

Quali sono i requisiti di accesso al Fondo demolizioni

I contributi assegnati a valere sul Fondo demolizioni riguardano interventi ancora da eseguire identificati attraverso il codice CUP.

Non sono ammesse richieste di contributo:

  • per interventi già assegnatari dei finanziamenti di cui ai decreti del Ministro per le infrastrutture e i trasporti di approvazione degli interventi di demolizione delle opere abusive e dei relativi importi ammessi al contributo a valere sulle risorse di cui all’art. 1, comma 26, della legge 27 dicembre 2017 e successivi rifinanziamenti;
  • per interventi presentati nelle precedenti campagne e non ammessi al contributo oppure interventi ammessi al contributo per i quali il comune abbia successivamente presentato richiesta di revoca o rinuncia;
  • per interventi già integralmente finanziati attraverso altri programmi o fondi;
  • per interventi su immobili oggetto di un giudizio pendente e per i quali alla data della presentazione.

A quanto ammonta il contributo del Fondo demolizioni

Le somme assegnate ai Comuni per ciascun intervento sono pari al 50% del costo totale dello stesso, indicato al momento della presentazione della domanda e risultante dal quadro tecnico economico.

I Comuni provvedono all’affidamento dei lavori e alla stipulazione del contratto con l’impresa entro 12 mesi dall’assegnazione e concludono gli interventi nel termine di 24 mesi dalla data di assegnazione dei contributi di cui al comma 5, pena la revoca del contributo.

Come presentare domanda per il Fondo demolizioni

I Comuni possono presentare l’istanza attraverso la compilazione del modulo on-line disponibile alla pagina web https://fondodemolizioni.mit.gov.it a partire dalle ore 12,00 del 16
settembre 2024 e fino alle ore 12,00 del 16 ottobre 2024.

Per esigenze di supporto tecnico informatico oppure amministrativo relative alla compilazione dell’istanza è possibile inviare una mail all’indirizzo fondodemolizioni.dgca@mit.gov.it indicando nell’oggetto della mail il nome del comune seguito dal «richiesta supporto tecnico – informatico» (es. Comune di Roma richiesta supporto tecnico informatico) oppure «richiesta supporto amministrativo» (es. Comune di Roma richiesta supporto amministrativo).

Documentazione e bando Fondo demolizioni 2024

Sono disponibili per il download gratuito il testo del Decreto interministeriale 254/2020 e il bando 2024 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 158 dell’8 luglio 2024.

CerTus-DEMOLIZIONI
CerTus-DEMOLIZIONI
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *