Ascensori: le due nuove prassi di riferimento

Ascensori: le due nuove prassi di riferimento

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ecco le due nuove UNI 10411-1:2021 e UNI 10411-2:2021 sugli ascensori

L’UNI (Ente nazionale italiano di normazione) si è occupato, attraverso la commissione “Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari“, della recente realizzazione di due nuovi documenti sugli ascensori:

  • la UNI 10411-1:2021 –  “Modifiche agli impianti esistenti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari – Parte 1: Ascensori elettrici non conformi alla Direttiva Ascensori“;
  • la UNI 10411-2:2021 –  “Modifiche agli impianti esistenti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari – Parte 2: Ascensori idraulici non conformi alla Direttiva Ascensori“.

La UNI 10411-1:2021 sugli ascensori elettrici

La parte 1 del nuovo documento, specifica i requisiti per la modifica o la sostituzione, di parti di ascensori elettrici a frizione non conformi alla Direttiva 95/16/CE né alla Direttiva 2014/33/UE, in conformità alla legislazione vigente.

La UNI 10411-1:

  • tratta le modifiche che più frequentemente sono effettuate sugli ascensori;
  • non tratta le modifiche che comportano una variazione delle misure di protezione contro l’incendio.

La UNI 10411-1:2021 sostituisce la UNI 10411-1:2014

La UNI 10411-2:2021 sugli ascensori idraulici

La parte 2, specifica i requisiti per la modifica o la sostituzione, di parti di ascensori idraulici non conformi alla Direttiva 95/16/CE né alla Direttiva 2014/33/UE, in conformità alla legislazione vigente.

Come la parte 1, la UNI 10411-2:

  • tratta le modifiche che più frequentemente sono effettuate sugli ascensori;
  • non tratta le modifiche che comportano una variazione delle misure di protezione contro l’incendio.

La UNI 10411-2:2021 sostituisce la UNI 10411-2:2014

La UNI 10411:2021 parte 1 e 2 e il dm 37/2008

Entrambe le norme sono state elaborate per fornire a chi effettua modifiche ad ascensori elettrici o idraulici non conformi alla Direttiva 95/16/CE né alla Direttiva 2014/33/UE uno strumento per soddisfare quanto richiesto dal dm 37/2008 (riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici).

A tal riguardo ricordiamo che il comma 1 dell’art. 6 (Realizzazione ed installazione degli impianti) del dm 37/2008 afferma che:

Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell’arte, in conformità alla normativa vigente e sono responsabili della corretta esecuzione degli stessi.

Gli impianti realizzati in conformità alla vigente normativa e alle norme dell’UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell’Unione europea o che sono parti contraenti dell’accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la regola dell’arte.

Rispetto all’edizione precedente, i testi di entrambi i documenti tengono conto anche dell’inclusione o rivisitazione delle proposte derivanti da richieste di chiarimenti.

In merito ai requisiti generali di entrambe le norme, per tutte le parti modificate o di nuova installazione, i sistemi di fissaggio delle protezioni:

  • che sono usate specificatamente per fornire una protezione contro i rischi meccanici, elettrici o di ogni altro tipo per mezzo di una barriera fisica,
  • che devono essere rimosse durante le operazioni di manutenzione ed ispezione,

devono rimanere attaccati alle protezioni o all’apparecchiatura, quando le protezioni sono rimosse.

La valutazione del livello di sicurezza dell’ascensore, a seguito di una modifica rispetto alla situazione preesistente, deve tenere conto della sicurezza garantita dal singolo componente modificato, di quella garantita da tutti i componenti influenzati dalla modifica e della sicurezza globale dell’ascensore modificato.

 

Le norme UNI 10411-1:2021 e UNI 10411-2:2021 sugli ascensori sono scaricabili a pagamento dal sito UNI

 

certus-ldl
certus-ldl

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *