Home » Notizie » Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro » Art. 73 dlgs 81/08: informazione, formazione e addestramento

Informazione, formazione e addestramento - art. 73 dlgs 81/2008

Art. 73 D.Lgs. 81/08: informazione, formazione e addestramento

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Art. 73 D.Lgs. 81/08: il datore di lavoro deve fornire ai lavoratori adeguata informazione, formazione e addestramento per l’uso delle attrezzature di lavoro

Leggi il testo di legge

Tutti i lavoratori devono essere informati e formati sui rischi presenti e sulle misure di prevenzione e protezione da adottare. Inoltre, a seconda delle attività svolte, può essere necessario anche l’addestramento sulle attrezzature che i lavoratori devono utilizzare durante lo svolgimento delle mansioni lavorative a loro attribuite.

L’art. 73 del D.Lgs. 81/08 stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di fornire un’informazione, una formazione e un addestramento ai lavoratori che siano adeguati alla tipologia di attrezzature di lavoro che utilizzano.

Seppure delegabili, queste attività rappresentano un adempimento in capo al datore di lavoro. La mancata informazione, formazione e addestramento comportano  gravi conseguenze per il datore di lavoro che può essere sanzionato severamente. Per evitare di incorrere in sanzioni ti consiglio di scaricare subito il software per la sicurezza sui luoghi di lavoro che ti consente di verificare la conformità dei luoghi e delle attrezzature attraverso un’unica checklist di controllo.

Cosa si intende per informazione, formazione e addestramento?

L’art. 2 del D.Lgs. 81/2008 definisce i concetti di informazione, formazione e addestramento. Si tratta di tre categorie ben distinte che, in modo diverso, definiscono il trasferimento di competenze ai lavoratori e per le quali il datore di lavoro è tenuto a rispettarne l’obbligo.

Queste sono:

  • informazione, definita come il complesso delle attività dirette a fornire conoscenze utili alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi negli ambienti di lavoro;
  • formazione, definita come il processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori e agli interessati conoscenze e procedure utili all’acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi;
  • addestramento, definito come il complesso delle attività dirette a fare apprendere ai lavoratori l’uso corretto di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale e le procedure di lavoro.

Cosa deve fare il datore di lavoro

Il datore di lavoro, nell’ambito degli obblighi indicati dagli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/2008, deve assicurarsi che i lavoratori dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e che ricevano una formazione e un addestramento adeguato (comma 1). Esse devono riguardare:

  • le condizioni di impiego delle attrezzature;
  • le situazioni anormali prevedibili.

Altresì, il datore di lavoro provvede ad informare i lavoratori (comma 2):

  • sui rischi cui sono esposti durante l’utilizzo delle attrezzature di lavoro;
  • sulle attrezzature di lavoro presenti nell’ambiente immediatamente circostante (anche se non usate direttamente);
  • sulle relative modifiche o integrazioni di nuove attrezzature (modifica, adeguamento, miglioramento, etc.).

Le informazioni e le istruzioni d’uso devono essere comprensibili ai lavoratori interessati (comma 3).

Informazione, formazione e addestramento per attrezzature particolari

Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari, come previsto dal comma 7 dell’ art. 71 D.Lgs. 81/2008, il datore di lavoro provvede affinché i lavoratori ricevano una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, in modo da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possono essere causati ad altre persone (comma 4).

Abilitazione per determinate attrezzature

L’art 73 comma 5 del D.Lgs. 81/2008 prevede che l’utilizzo di determinate attrezzature, individuate in sede di accordo Stato Regioni e province autonome di Trento e Bolzano, richieda una specifica abilitazione (patentino).

Le attrezzature di lavoro per le quali è imposto il conseguimento di una specifica abilitazione sono:

  • piattaforme di lavoro mobili elevabili;
  • gru a torre;
  • gru mobile;
  • gru per autocarro;
  • carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
  • trattori agricoli e forestali;
  • macchine movimento terra;
  • pompa per calcestruzzo.

La sicurezza è un parametro fondamentale di ogni aspetto dell’attività lavorativa, soprattutto nell’utilizzo delle attrezzature di lavoro. L’utilizzo corretto delle attrezzature di lavoro è tanto importante quanto la conformità delle attrezzature stesse e l’idoneità dell’ambiente di lavoro.

Per questa ragione, ti consiglio di scaricare subito il software per la sicurezza sui luoghi di lavoro per gestire tutta la sicurezza nei luoghi di lavoro secondo il testo unico sicurezza.

Formazione e abilitazione del Corpo nazionale dei vigili del fuoco

Il comma 5-bis stabilisce che la formazione e l’abilitazione del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco all’utilizzo delle attrezzature (previste al comma 5) possono essere effettuate direttamente dallo stesso Corpo nazionale, con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili.

Abilitazione alla conduzione dei generatori di vapore

L’art. 73-bis regolamenta l’abilitazione alla conduzione dei generatori di vapore. Per poter condurre un generatore di vapore bisogna essere in possesso di un certificato di abilitazione alla conduzione dei generatori di vapore rilasciato dal Ministero del lavoro. L’addetto alla conduzione dei generatori di vapore deve essere abilitato, con abilitazione di grado corrispondente a quello previsto per il generatore che deve condurre.

In particolare, il comma 2 dell’art. 73-bis disciplina i gradi dei certificati di abilitazione alla conduzione dei generatori di vapore, i requisiti per l’ammissione agli esami, le modalità di svolgimento delle prove e di rilascio e rinnovo dei certificati. Inoltre, viene determinata l’equipollenza dei certificati e dei titoli rilasciati in base alla normativa vigente.

Informazione, formazione e addestramento

1. Nell’ambito degli obblighi di cui agli articoli 36 e 37 il datore di lavoro provvede, affinché per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati dell’uso dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente:

  1. alle condizioni di impiego delle attrezzature;
  2. alle situazioni anormali prevedibili.

2. Il datore di lavoro provvede altresì a informare i lavoratori sui rischi cui sono esposti durante l’uso delle attrezzature di lavoro, sulle attrezzature di lavoro presenti nell’ambiente immediatamente circostante, anche se da essi non usate direttamente, nonché sui cambiamenti di tali attrezzature.

3. Le informazioni e le istruzioni d’uso devono risultare comprensibili ai lavoratori interessati.

4. Il datore di lavoro provvede affinché i lavoratori incaricati dell’uso delle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari di cui all’articolo 71, comma 7, ricevano una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone.

4-bis. Il datore di lavoro che fa uso delle attrezzature che richiedono conoscenze particolari di cui all’articolo 71, comma 7, provvede alla propria formazione e al proprio addestramento specifico al fine di garantire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro.

5. In sede di Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono individuate le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione e le condizioni considerate equivalenti alla specifica abilitazione.

5-bis. Al fine di garantire la continuità e l’efficienza dei servizi di soccorso pubblico e di prevenzione ed estinzione degli incendi, la formazione e l’abilitazione del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco all’utilizzo delle attrezzature di cui al comma 5 possono essere effettuate direttamente dal Corpo nazionale medesimo, con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

 

 
Leggi tutti gli articoli del testo unico sicurezza (D.Lgs. 81/08).
certus-ldl
certus-ldl

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *