Arriva il “modello unico digitale per l’edilizia”

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

class=”bl-sub-title”>Il Decreto Legge 10 gennaio 2006, n. 4 (convertito con Legge 9 marzo 2006 n. 80) prevede l’introduzione di un “modello unico digitale” per l’edilizia…

Il Decreto Legge 10 gennaio 2006, n. 4 (convertito con Legge 9 marzo 2006 n. 80) prevede l’introduzione di un “modello unico digitale” per l’edilizia da utilizzare per la presentazione ai comuni, in via telematica, di:

  • denunce di inizio attività
  • domande per il rilascio di permessi di costruire
  • ogni “altro atto di assenso comunque denominato in materia di attività edilizia”.

Tale modello, tuttavia, non potrà essere operativo prima di 8 mesi, termine entro il quale devono essere adottati i decreti del Presidente del Consiglio che definiranno le modalità tecniche e operative per la realizzazione.
Il “modello unico digitale” deve comprendere anche le informazioni necessarie per le dichiarazioni di variazione catastale e di nuova costruzione.
In via transitoria, fino a quando non sarà operativo il modello unico per l’edilizia, l’Agenzia del Territorio invia ai comuni, per via telematica, le dichiarazioni di variazione e di nuova costruzione presentate a far data dal 1° gennaio 2006 e i comuni verificano la coerenza delle caratteristiche dichiarate dell’unita’ immobiliare rispetto alle informazioni disponibili, sulla base degli atti in loro possesso.

DocumentoDimensioneFormato
Testo coordinato del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 41,59 MbACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *