Home » Notizie » Opere edili » Approvato il Decreto Legge per le aree colpite dal terremoto

Approvato il Decreto Legge per le aree colpite dal terremoto

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Si è tenuta a L’Aquila la riunione del Consiglio dei Ministri n.46 del 23 aprile 2009.
L’esecutivo ha approvato un Decreto Legge con le disposizioni per le aree colpite dal sisma del 6 aprile scorso: le risorse sono state quantificate in 8 miliardi di euro.

Si è tenuta a L’Aquila la riunione del Consiglio dei Ministri n.46 del 23 aprile 2009.
L’esecutivo ha approvato un Decreto Legge con le disposizioni per le aree colpite dal sisma del 6 aprile scorso: le risorse sono state quantificate in 8 miliardi di euro.

Queste le principali misure contenute nel provvedimento:

  • progettazione e realizzazione, nei comuni terremotati, di moduli abitativi destinati ad una utilizzazione durevole e rispondenti a caratteristiche di innovazione tecnologica, risparmio energetico e protezione dalle azioni sismiche, nonché delle opere di urbanizzazione e dei servizi connessi, al fine di garantire adeguata sistemazione alle persone le cui abitazioni sono state distrutte o dichiarate non agibili;
  • concessione di contributi anche con il sistema del credito d’imposta e di finanziamenti agevolati garantiti dallo Stato per la ricostruzione di abitazioni principali distrutte o inagibili o per l’acquisto di abitazioni sostitutive;
  • contributi anche in credito d’imposta per le abitazioni non principali, in favore di attività produttive, indennizzi per la riparazione e ricostruzione di beni immobili distrutti o inagibili, nonché ripristino delle scorte e ristoro dei danni da perdita di beni mobili strumentali
  • indennizzi per danni subiti da strutture adibite a finalità sociali, ricreative e religiose.

Prevista anche la sospensione dei processi civili pendenti nei tribunali dell’area e dei termini di legge gravanti sulle popolazioni colpite.
Il provvedimento approvato prevede inoltre particolari disposizioni per lo smaltimento e lo stoccaggio dei rifiuti sia urbani che derivanti dalla distruzione degli immobili danneggiati.

Clicca qui per scaricare il testo integrale del comunicato stampa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *