Categorie BIM e GIS

Massimizzare l’efficienza nella gestione e manutenzione degli asset costruiti con l’approccio BIM-GIS

Ecco come un approccio integrato BIM GIS può impattare e ottimizzare la gestione e manutenzione di edifici e infrastrutture ed i vantaggi per gli attori coinvolti

Durante il ciclo di vita di una qualsiasi opera del settore delle costruzioni, la fase di gestione e manutenzione è fondamentale per garantire che edifici e infrastrutture rimangano sicuri, efficienti e funzionali nel corso del tempo.

Nella costante evoluzione del settore dell’edilizia, l’approccio sinergico tra Building Information Modeling (BIM) e Geographic Information System (GIS) sta apportando significativi miglioramenti anche durante la fase Operativa e di Manutenzione (O&M), offrendo potenti e innovativi strumenti (come ad esempio software di facility management) per ottimizzare l’efficienza nella gestione dell’intero ciclo di vita degli asset costruiti. Nel lungo periodo infatti, la gestione e la manutenzione possono trarre enormi vantaggi da questa integrazione: dalla gestione delle strutture al monitoraggio delle condizioni, alla pianificazione della manutenzione preventiva, alla risposta alle emergenze.

Scopriamo in questo articolo i vantaggi di un approccio integrato BIM GIS alla fase di gestione e manutenzione dell’opera e gli strumenti capaci di contribuire a massimizzare l’efficiente gestione degli asset costruiti.

Approccio BIM-GIS: una visione integrata del patrimonio costruito per migliorarne gestione e manutenzione

Tutti i professionisti AEC, diversamente coinvolti nella gestione e manutenzione di un bene costruito, necessitano di una grande quantità di informazioni, molto diverse tra loro, che devono poter essere gestite con una tecnologia che gli consenta di mettere a confronto i dati complessi che riguardano non solo i singoli edifici o parti di essi, ma anche l’ambiente o il paesaggio in cui sono inseriti. Il BIM e il GIS rappresentano oggi alcune delle tecnologie più innovative che possono essere utilizzate in maniera integrata nell’ambito dell’industria delle costruzioni per ottimizzare il processo di gestione dei dati in riferimento all’intero ciclo di vita di un edificio.

Da una parte il BIM, che permette di sviluppare modelli informativi degli edifici molto dettagliati; dall’altra il GIS, che consente di gestirli ed analizzarli attraverso un sistema di riferimento spaziale globale. La grande potenzialità della loro integrazione sta quindi nella capacità di poter gestire l’asset dalla macro-scala territoriale alla micro-scala del singolo componente costruttivo o impiantistico. Grazie anche alla sempre maggiore disponibilità di tecnologie digitali innovative e big data, l’interoperabilità BIM-GIS può essere sfruttata anche per ottimizzare le attività di gestione di grandi asset immobiliari, specialmente durante la fase Operativa e di Manutenzione.

I vantaggi di un approccio integrato BIM-GIS nella fase di manutenzione degli asset

Il quadro completo dettato dall’integrazione delle tecnologie BIM e GIS consente di avere un controllo più accurato e una migliore pianificazione delle attività di gestione e manutenzione; attività che non solo contribuiscono a prolungare la vita utile degli asset, ma anche a garantire la sicurezza e la continuità operativa, riducendo al minimo l’impatto di situazioni impreviste.

Gestione delle strutture e degli impianti

Uno dei principali aspetti della manutenzione è la gestione delle strutture e degli impianti. L’integrazione BIM-GIS permette di avere accesso ai modelli BIM dettagliati delle strutture, ai dati sulla loro ubicazione geografica e alle informazioni storiche sulla manutenzione. Ciò semplifica notevolmente la programmazione e la gestione delle attività di manutenzione preventiva e correttiva.

Monitoraggio delle condizioni in tempo reale

L’utilizzo di sensori e tecnologie IoT (Internet of Things) può fornire dati in tempo reale sulle condizioni degli asset. Questi dati possono essere integrati nei sistemi BIM-GIS, consentendo la monitorizzazione costante delle prestazioni e delle condizioni delle strutture. Ciò permette di identificare rapidamente eventuali problemi o anomalie, riducendo al minimo i tempi di inattività e i costi di riparazione.

Ottimizzazione delle risorse

L’integrazione BIM-GIS contribuisce all’ottimizzazione delle risorse. È proprio grazie ad una gestione più precisa e basata sui dati che diventa possibile pianificare le risorse umane e materiali in modo più efficiente, riducendo i costi di manutenzione senza compromettere la qualità del servizio.

Pianificazione della manutenzione preventiva

L’approccio BIM-GIS consente una pianificazione dettagliata della manutenzione preventiva. Uno dei principali vantaggi dell’approccio BIM-GIS nella gestione e manutenzione degli asset costruiti è proprio la possibilità di pianificare e eseguire interventi di manutenzione in modo più efficiente. Utilizzando dati provenienti sia dal BIM che dal GIS, è possibile creare piani di manutenzione predittiva basati su informazioni dettagliate sullo stato attuale dell’edificio e sull’ambiente circostante.
Ad esempio, utilizzando il GIS per analizzare l’ambiente esterno, è possibile prevedere e prepararsi meglio per eventuali eventi naturali che potrebbero influenzare le strutture. Nel frattempo, il BIM fornisce una visione interna dettagliata delle componenti dell’edificio o dell’infrastruttura, aiutando a pianificare interventi di manutenzione mirati per prolungarne la durata.

O ancora i sensori installati nell’edificio possono raccogliere dati in tempo reale sulle condizioni strutturali e sulle prestazioni dei sistemi. Questi dati vengono integrati nel modello BIM-GIS, consentendo agli operatori di identificare precocemente problemi potenziali e pianificare interventi di manutenzione preventiva: questo riduce i tempi di inattività, ottimizza le risorse e prolunga la durata utile dell’edificio.

Decisioni informate

L’accesso a informazioni dettagliate sulle condizioni attuali dell’asset consente di prendere decisioni informate riguardo agli investimenti necessari per migliorare la sostenibilità, l’efficienza energetica e la conformità normativa.

Protezione del patrimonio: gestione del rischio e aggiornamenti real-time

La capacità di visualizzare i dati in un contesto geografico consente di identificare potenziali rischi ambientali, come inondazioni o cambiamenti climatici, e valutare il loro impatto sull’edificio o sull’infrastruttura. Quando si verificano emergenze o situazioni critiche, l’approccio BIM-GIS è cruciale per una risposta rapida ed efficace. Il modello digitale fornisce una panoramica dettagliata delle strutture e delle risorse disponibili, permettendo alle squadre di intervento di prendere decisioni informate e di agire prontamente. Inoltre, il modello BIM-GIS può essere aggiornato in tempo reale durante un’emergenza, registrando danni o modifiche alle strutture. Queste informazioni sono preziose per la valutazione post-emergenza e per la pianificazione delle attività di ripristino.

Navigazione spaziale e sicurezza

Nel contesto di edifici complessi o di infrastrutture estese, come aeroporti o ospedali, l’approccio integrato BIM-GIS agevola la navigazione spaziale. Questo può essere particolarmente utile per il personale, i visitatori o gli operatori di emergenza che devono muoversi all’interno degli ambienti. Inoltre, l’integrazione BIM-GIS contribuisce alla sicurezza, consentendo una gestione più efficace delle evacuazioni in caso di emergenza.

Conclusioni

La fase O&M è senza dubbio la più costosa del ciclo di vita degli asset: se gestiti in maniera inadeguata, infatti, possono causare sprechi di risorse ed incrementi nei costi di gestione, operatività e manutenzione degli edifici. Ecco perché, durante questa fase, diventa imprescindibile superare l’approccio documentale e passare a quello digitale e collaborativo attraverso sistemi di gestione informativa e protocolli di modellazione dei dati, per strutturarli in maniera da assicurare la disponibilità di informazioni accurate, al momento giusto, nel formato richiesto ed attraverso tutto il ciclo di vita dell’asset.

Una soluzione innovativa e completa per gestire gli asset costruiti è il sistema di BIM management di ACCA, scalabile e configurabile secondo le specifiche esigenze, che permette di ottimizzare il lavoro su edifici e infrastrutture attraverso software completi e integrati.

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Dichiarazione di conformità impianti: cos’è e quando è richiesta

Quando è obbligatorio e cosa deve contenere il certificato di conformità degli impianti (Di.Co.) previsto…

17 Luglio 2024

Chi è, cosa fa e come diventare un energy manager?

L’energy manager gestisce gli aspetti energetici di un bene e individua soluzioni di efficientamento energetico.…

17 Luglio 2024

Gli operatori economici secondo il codice dei contratti

Chi sono gli operatori economici? Quali sono i requisiti per partecipare ad una gara d'appalto?…

17 Luglio 2024

Condono edilizio 2024: la guida al “decreto salva casa 2024” con PDF, slide e faq

Condono edilizio 2024: cosa può sanare? Quanto costa? Analisi completa del "decreto salva casa 2024"…

17 Luglio 2024

Plusvalenza da Superbonus: l’extra-tassa da pagare in caso di vendita dell’immobile

Dal 2024 fa plusvalenza la vendita di immobili agevolati con Superbonus. Quando va pagata e…

17 Luglio 2024

UNI EN 81-70, la norma sugli ascensori accessibili

UNI ha reso disponibile l'aggiornamento della norma di riferimento su accessibilità e sicurezza degli ascensori…

16 Luglio 2024