Home » Notizie » Lavori pubblici » Appalti BIM e piattaforme certificate: obbligo di comunicazione entro il 31 gennaio 2024

ANAC e la comunicazione della piattaforma certificata

Appalti BIM e piattaforme certificate: obbligo di comunicazione entro il 31 gennaio 2024

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

L’ANAC ricorda alle Stazioni Appaltanti la scadenza della comunicazione per le piattaforme di approvvigionamento digitale. Si rischia la decadenza della qualificazione!

Scade il prossimo 31 gennaio 2024 il termine ultimo per comunicare la disponibilità e l’utilizzo delle piattaforme di approvvigionamento digitale certificate, pena la decadenza della qualificazione della Stazione Appaltante.

A ricordarlo è l’ANAC, l’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Il nuovo sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti è disciplinato dall’allegato II.4, in attuazione degli artt. 62 e 63 del nuovo codice appalti. Per l’appunto, esso prevede tra i requisiti per la qualificazione la disponibilità e l’uso di piattaforme di approvvigionamento digitale certificate.

Un aspetto cruciale riguarda le condizioni per l’assolvimento del requisito di qualificazione sulla disponibilità di piattaforme digitali, obbligatorio dal 1° gennaio 2024.

Secondo i dati dell’ANAC al 6 novembre 2023, che fotografano la situazione delle stazioni appaltanti, in Italia risultino 3.370 tra stazioni appaltanti qualificate e centrali di committenza nei primi quattro mesi dall’entrata in vigore del nuovo Codice degli appalti (2.887 stazioni appaltanti singole e 483 centrali di committenza).

Oltre l’80% delle centrali di committenza qualificate hanno conseguito il livello massimo di qualificazione.

Ricordiamo che la qualificazione è indispensabile per le stazioni appaltanti per potere gestire dall’inizio dell’anno, con l’entrata in vigore a pieno regime dell’e-procurement, gli appalti totalmente in digitale.

Piattaforme digitali certificate: come assolvere all’obbligo

La comunicazione dovrà essere effettuata attraverso il servizio “Qualificazione stazione appaltanti” seguendo le istruzioni operative del manuale utente.

Dal 1° febbraio 2024, in caso di mancata comunicazione, la qualificazione ottenuta decade automaticamente.

La piattaforma deve essere non solo disponibile ma anche certificata. La certificazione, come specificato dalla Delibera ANAC n. 582 del 13 dicembre 2023, segue un processo definito dalle Regole tecniche di AGID e lo Schema operativo.

Cosa si intende per “disponibilità” di piattaforme digitali certificate?

Per “disponibilità” di piattaforme di approvvigionamento digitale certificate si intende la possibilità di uso permanente di piattaforme certificate, sia di proprietà della stazione appaltante che messe a disposizione da soggetti terzi attraverso contratti di servizio.

La disponibilità della piattaforma di approvvigionamento digitale certificata deve essere dichiarata:

  • dai soggetti tenuti alla qualificazione, in fase di compilazione del modulo di domanda di qualificazione;
  • dai soggetti già qualificati prima del 31 dicembre 2023, entro il 31 gennaio 2024 attraverso il servizio qualificazione di ANAC, pena la decadenza della qualificazione dal 1° febbraio 2024.

Costituiscono titoli idonei di disponibilità della piattaforma:

  • modulo di formale richiesta di utilizzo;
  • modulo di adesione ad un servizio messo a disposizione sulla base di regolamento regionale;
  • possesso di credenziali idonee che consentano l’adesione al servizio mediante autenticazione.

Per le stazioni appaltanti esonerate dalla qualificazione, il processo è diverso. Non è richiesta la comunicazione della disponibilità della piattaforma digitale, ma devono comunque rispettare gli obblighi di utilizzo stabiliti dal Codice dei Contratti.

Cosa sono le piattaforme di approvvigionamento digitale

Secondo l’art. 25 del dlgs 36/2023 le piattaforme di approvvigionamento digitale rappresentano l’insieme coordinato di servizi e sistemi informatici interconnessi e interoperanti, adoperati dalle stazioni appaltanti e dagli enti concedenti al fine di espletare una o più attività specificate nell’articolo 21, comma 1, e di garantire la completa digitalizzazione dell’intero ciclo di vita dei contratti pubblici.

Le piattaforme di approvvigionamento digitale interagiscono con i servizi della Banca dati nazionale dei contratti pubblici e con i servizi della piattaforma digitale nazionale dati.

Le stazioni appaltanti e gli enti concedenti utilizzano le piattaforme di approvvigionamento digitale per gestire le fasi di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici, rispettando le norme tecniche specificate nell’26 del dlgs 36/2023.

Le piattaforme digitali di approvvigionamento, quando sono coinvolte nella gestione di un appalto basato sulla metodologia BIM, sono tenute a amministrare la documentazione di gara in modo diretto attraverso un Ambiente Comune dei Dati (ACDat), come dettagliato nell’allegato I9 del recente codice degli appalti.

requisiti tecnici delle piattaforme di approvvigionamento digitale, nonché la conformità delle stesse alle attività previste dall’articolo 22, comma 2 del dlgs 36/2023, sono stabilite dall’AGID di intesa con l’ANAC e la Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per la trasformazione digitale.

Qui trovi tutto quello che c’è da sapere sulle piattaforme di approvvigionamento digitale.

 

Se vuoi conoscere tutti gli adempimenti preliminari per gli appalti BIM previsti dal nuovo codice degli appalti pubblici e rendere più facile la transizione digitale del tuo ente fino a farla diventare una stazione appaltante BIM, chiedi la consulenza gratuita da parte di uno specialista BIM per la Pubblica Amministrazione.

Certificazione delle piattaforma di approvvigionamento digitale

Possono essere considerate come certificate le piattaforme di approvvigionamento digitale che hanno compiuto il processo di certificazione delineato dalle Regole tecniche di AGID (provvedimento AGID n. 137/2023) e dallo Schema operativo (pubblicato sul sito di AGID il 25/09/2023) il cui Allegato 2 è stato aggiornato in data 14/11/2023).

Le piattaforme devono essere iscritte nell’Elenco di cui all’articolo 26, comma 3, del Codice, gestito da ANAC, che raccoglie sia i soggetti titolari di piattaforme, pubblici e privati, sia i gestori delle stesse. E’ possibile consultare qui l’elenco delle piattaforme di approvvigionamento digitale certificate.

Delibera ANAC 582: chiarimenti in merito all’uso delle piattaforme di approvvigionamento digitale

Va ricordato che in base all’articolo 25 del Codice, le piattaforme di approvvigionamento digitale sono utilizzate dalle stazioni appaltanti e dagli enti concedenti per svolgere una o più attività di cui all’articolo 21, comma 1, del Codice (programmazione, progettazione, pubblicazione, affidamento ed esecuzione) e per assicurare la piena digitalizzazione dell’intero ciclo di vita dei contratti pubblici.

Le piattaforme non possono alterare la parità di accesso degli operatori, né impedire o limitare la partecipazione alla procedura di gara degli stessi ovvero distorcere la concorrenza, né modificare l’oggetto dell’appalto, come definito dai documenti di gara.

Le stazioni appaltanti e gli enti concedenti assicurano la partecipazione alla gara anche in caso di comprovato malfunzionamento, pur se temporaneo, delle piattaforme, anche eventualmente disponendo la sospensione del termine per la ricezione delle offerte per il periodo di tempo necessario a ripristinare il normale funzionamento e la proroga dello stesso per una durata proporzionale alla gravità del malfunzionamento.

 

 

BIM Codice Appalti

 

BIM Codice Appalti

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *