Affidamento di lavori urgenti ed indifferibili, ecco come devono procedere le stazioni appaltanti

Anac: le regole da seguire per affidare i lavori urgenti ed indifferibili.

Per l’affidamento di lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria, relativi ad interventi urgenti ed indifferibili, il D.L. 133/2014 (Decreto Sblocca Italia) ha introdotto alcune semplificazioni finalizzate ad accelerare la pubblicazione dei bandi, la ricezione delle offerte, i tempi per la stipula del contratto e sui controlli.

L’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), con Comunicato del Presidente del 5 febbraio 2015, fornisce indicazioni alle stazioni appaltanti circa gli obblighi informativi (nei confronti dell’Anac) ed i controlli a campione, a seguito delle semplificazioni introdotte dal Decreto Sblocca Italia.

Ricordiamo, brevemente, che costituisce “estrema urgenza” la situazione, attestata dall’ente di interesse, di indifferibilità di interventi, anche su impianti, arredi e dotazioni, per i seguenti interventi:

  • messa in sicurezza degli edifici scolastici e dell’AFAM
  • mitigazione dei rischi idraulici e geomorfologici
  • adeguamento alla normativa antisismica
  • tutela ambientale e del patrimonio culturale

Nel documento allegato, l’Autorità fornisce alle stazioni appaltanti le istruzioni per segnalare correttamente il ricorso alle procedure accelerate e semplificate, relativamente a:

  • procedura negoziata e affidamento diretto
  • obblighi informativi
  • controlli a campione

Clicca qui per scaricare il comunicato Anac del 5 febbraio 2015

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *