Acustica in edilizia: due nuovi progetti UNI in inchiesta pubblica

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ecco le nuove UNI1605627 e UNI1605628 sull’acustica in edilizia in inchiesta pubblica finale

I due nuovi progetti UNI sull’acustica in edilizia, di competenza della commissione “UNI/CT 002 Acustica e vibrazioni”, sono in inchiesta pubblica finale.

Si tratta delle:

  • UNI1605627, dal titolo: “Acustica in edilizia – Linee guida per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici – Parte 1: Applicazione delle norme tecniche alla tipologia costruttiva nazionale”;
  • UNI1605628, dal titolo: “Acustica in edilizia – Linee guida per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici – Parte 2: dati di ingresso per il modello di calcolo”.

La UNI1605627 parte 1 sull’acustica in edilizia

Il nuovo documento fornisce un modello di calcolo e la sua applicazione alle soluzioni tecniche costruttive nazionali, per una corretta qualificazione acustica di un edificio nel suo complesso.

I modelli di calcolo descritti si basano su dati sperimentali, confrontati con stime progettuali, definiti per unità immobiliari in edifici a destinazione residenziale.

Il rapporto tecnico considera le seguenti proprietà acustiche degli edifici:

  • l’isolamento dal rumore aereo proveniente dall’esterno;
  • l’isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti;
  • l’isolamento acustico al calpestio tra ambienti.

La UNI1605628 parte 2 sull’acustica in edilizia

Il documento fornisce indicazioni in merito al reperimento ed al corretto utilizzo dei dati di ingresso del modello descritto nella parte prima.

 

Clicca qui per accedere alla pagina delle inchieste pubbliche finale dell’UNI

(andare sulla ricerca dei documenti a fine pagina e inserire una per volta le UNI1605627 e UNI1605628 nella casella “codice progetto” e poi cliccare su “cerca”)

 

suonus
suonus

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *