Home » Notizie » Acustica » Acustica degli spazi chiusi, controtelai serramenti e malte per il restauro: nuovi progetti UNI al vaglio

Acustica degli spazi chiusi, controtelai serramenti e malte per il restauro: nuovi progetti UNI al vaglio

Acustica degli spazi chiusi, controtelai serramenti e malte per il restauro: nuovi progetti UNI al vaglio

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Sono in inchiesta pubblica preliminare alcuni progetti di norma sull’acustica degli spazi chiusi open office e per prove musicali, controtelai serramenti e malte per il restauro

Rimarranno in inchiesta pubblica preliminare fino al 19 maggio prossimo alcuni progetti di norma UNI; si tratta delle:

  • UNI1612066Acustica – Qualità acustica degli spazi open office“;
  • UNI1612064 “Criteri di qualità acustica per spazi e sale prova”;
  • UNI1612067Acustica – Misurazione in opera delle proprietà di assorbimento sonoro delle superfici – Parte 1: Metodo della superficie estesa“;
  • UNI1612532Controtelai e controtelai monoblocco per serramenti – Caratteristiche prestazionali e requisiti“;
  • UNI1612379Beni culturali – Descrizione petrografica di una malta“.

Ti ricordo che per il contenimento dell’inquinamento da rumore all’interno degli ambienti abitativi è stato emanato il DPCM 5 dicembre 1997 “Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici” (in vigore dal 20-02-1998).

Invece, dal 31 dicembre 2011 la norma UNI 11367 prevede che tutti gli edifici di nuova costruzione, oppure chi vorrà vendere o affittare un’abitazione, dovrà munire il proprio appartamento della specifica certificazione acustica. Tale certificazione attualmente per le abitazioni non è obbligatoria ma, in caso di contenzioso, il rispetto di tali prescrizioni in materia di isolamento acustico sarebbe determinante per evitare spiacevoli conseguenze, per cui ti consiglio un software per la progettazione dell’isolamento acustico in edilizia, la verifica dei requisiti acustici passivi (D.P.C.M. 5/12/1997 e norme UNI 12354) e la classificazione acustica degli edifici secondo la norma UNI 11367.

La UNI1612066 sulla qualità acustica degli spazi open office

Cominciamo a vedere i primi tre progetti elencati di seguito, essi sono stati curati dalla commissione “Acustica“.

Il primo documento si occupa della qualità acustica degli spazi open office. Esso fornisce una guida tecnica per ottenere una qualità acustica degli spazi open office, tale da supportare il dialogo e l’impegno formale tra le diverse parti interessate coinvolte nella pianificazione, progettazione costruzione o disposizione di spazi di lavoro open-plan:

  • clienti finali,
  • proprietari di progetto,
  • prescrittori,
  • consulenti,
  • ecc.

La UNI1612066 adotta la ISO 22955:2021.

La UNI1612064 sulla qualità acustica degli spazi e sale prove

La UNI1612064 specifica criteri differenziati per le condizioni acustiche e per le caratteristiche per sale e spazi usati per prove musicali. I criteri sono specificati per diversi tipi di musica, indipendentemente dal tipo di edificio in cui gli spazi sono collocati.

Il documento fornisce i criteri acustici per spazi usati per prove musicali, indipendentemente dal fatto che questo sia l’uso principale di tali spazi o che questi siano spazi multifunzionali.

La UNI1612064 adotta la ISO 23591:2021.

La UNI1612067 sulle proprietà di assorbimento sonoro delle superfici

La UNI1612067 ha per oggetto la misurazione in opera delle proprietà di assorbimento sonoro delle superfici. Il documento descrive un metodo di prova per la misurazione in opera del coefficiente di assorbimento acustico delle superfici stradali come funzione della frequenza nelle bande di un terzo d’ottava da 250 Hz a 4 kHz. L’incidenza normale è presupposta. In ogni caso, il metodo può essere applicato ad incidenza obliqua, seppur con alcune limitazioni.

La UNI1612067 sostituisce la UNI ISO 13472-1:2004.

La UNI1612532 sui controtelai per serramenti

I seguenti due progetti sono stati curati dalla commissione “Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio“.

La UNI1612532 tratta i controtelai e controtelai monoblocco per serramenti; il documento definisce le metodologie ed i criteri per la caratterizzazione di controtelai e controtelai monoblocco impiegati per l’installazione di:

  • finestre,
  • porte esterne e interne pedonali,
  • chiusure oscuranti e schermature solari,

considerando eventuali componenti aggiuntivi (o accessori) e materiali e prodotti complementari, anche considerando i loro giunti di installazione ai vani.

La UNI1612379 sulle malte per il restauro dei beni culturali

Il secondo progetto, la UNI1612379, tratta i beni culturali e in particolare riporta uno schema descrittivo utile per la caratterizzazione petrografica di una malta.

Il documento si applica a:

  • malte di allettamento,
  • intonaci,
  • stucchi utilizzati con funzione strutturale, di rivestimento, ornamentale, decorativa, ecc.

in edifici di interesse storico-artistico.

La UNI1612379 sostituisce la UNI 11176:2006.

 

Per la progettazione, la verifica e certificazione delle prestazioni acustiche degli edifici ti consiglio un unico software isolamento acustico che puoi provare gratuitamente per 30 giorni.

 

Clicca qui per accedere alla pagina delle inchieste pubbliche preliminari dell’UNI

 

 

suonus
suonus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *