Accettazione materiali

Accettazione dei materiali in cantiere: l’infografica con le 5 fasi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Accettazione dei materiali in cantiere: uno dei compiti più delicati del direttore dei lavori. Scarica il fac simile del verbale di accettazione dei materiali

Chi ha la responsabilità dell’accettazione dei materiali in cantiere?

In questo articolo analizziamo i compiti e gli obblighi del direttore dei lavori circa l’accettazione dei materiali. Si tratta di una procedura delicata che potrebbe compromettere la realizzazione dell’opera in costruzione.

Se devi redigere tutta la documentazione del direttore dei lavori e rispondere ai numerosi adempimenti previsti dalle norme in vigore, ti consiglio di affidarti a un software per capitolati e modelli con il quale compilare, tra le altre cose, il verbale di accettazione dei materiali, documento obbligatorio per l’avvio e l’esecuzione di lavori edili.

Accettazione dei materiali in cantiere: a chi spetta?

L’accettazione dei materiali in cantiere è una delle tante responsabilità del direttore dei lavori, che fa parte dei controlli in cantiere a lui affidati. Ti ricordo che il direttore dei lavori, secondo l’art. 101 del codice appalti, è preposto al controllo:

  • tecnico;
  • contabile;
  • amministrativo.

Nell’ambito del controllo tecnico ha l’obbligo di assicurare che i lavori siano effettuati a regola d’arte ed in conformità con il contratto. In sintesi:

  • esegue i controlli/prove necessarie sui materiali;
  • rifiuta i materiali (in casi specifici);
  • trascrive eventuale rifiuto sul giornale dei lavori;
  • dispone di prove ed analisi sui materiali;
  • verifica il rispetto delle norme ambientali.

I materiali, a loro volta, vengono:

  • identificati prima di entrare in cantiere mediante schede tecniche dal fabbricante;
  • qualificati attraverso documentazione di accettazione / prove sperimentali;
  • accettati dal direttore dei lavori.

Infografica accettazione materiali in cantiere

Di seguito ti propongo un’infografica che ti aiuterà a comprendere le fasi dell’accettazione dei materiali in cantiere. Puoi scaricarla gratis in formato PDF in alta risoluzione.

Infografica Accettazione materiali in cantiere

Infografica accettazione materiali in cantiere

Accettazione dei materiali in cantiere: le 4 fasi

L’accettazione dei materiali in cantiere è una procedura che si sviluppa in 4 fasi diverse:

  1. accettazione preliminare, avviene prima dell’acquisto dei materiali: l’esecutore trasmette le schede tecniche dei materiali;
  2. accettazione della fornitura, prima dell’installazione: i materiali arrivano in cantiere, il direttore dei lavori li rifiuta o li accetta. L’accettazione comporta l’installazione da parte dell’esecutore;
  3. accettazione durante l’installazione o posa in opera: il direttore dei lavori controlla l’esecuzione e indica eventuali correzioni che l’esecutore dovrà adottare;
  4. accettazione definitiva dopo l’installazione e la posa in opera: il direttore dei lavori verifica la corretta installazione e fa eseguire le prove previste dalla legge e dal capitolato, aggiorna poi la contabilità.

Rifiuto dei materiali in cantiere

I materiali possono essere rifiutati in cantiere? Si, può accadere in alcuni casi specifici:

  • se risultano essere diversi da quelli concordati nel contratto;
  • se sono inadatti o riportano difetti dopo l’accettazione e/o la messa in opera;
  • se viene accertata una certa mancanza di diligenza nell’esecuzione.

Chi può rifiutare i materiali? È sempre il direttore dei lavori che ha la facoltà di rifiutare i materiali in qualunque tempo se si dovesse verificare una delle situazioni sopra elencate. La rimozione e la sostituzione sono invece a carico dell’esecutore. Il rifiuto deve essere riportato sul giornale dei lavori. Se l’esecutore non dovesse provvedere alla rimozione, la stazione appaltante può procedere direttamente addebitandone le spese all’esecutore.

I materiali e i componenti vengono messi in opera solo dopo l’avvenuta accettazione da parte del direttore dei lavori. La stazione appaltante conserva diritti e poteri in sede di collaudo anche dopo l’accettazione e la posa in opera.

Prove e analisi sui materiali

Le prove sui materiali sono esami volti a verificare la corrispondenza dei materiali utilizzati con quelli predisposti nel progetto, che garantiscano resistenza e stabilità, conformemente a quanto prescritto da norme e regolamenti.

Secondo il capitolo 11 della circolare NCT 2018:

L’accettazione in cantiere dei materiali e prodotti per uso strutturale è responsabilità del direttore dei lavori e viene attuata mediante l’acquisizione e verifica della documentazione di accompagnamento dei materiali e prodotti, nonché mediante prove di accettazione.

Il direttore dei lavori deve acquisire:

  • documentazione di accompagnamento dei materiali;
  • documentazione che attesta la qualificazione del prodotto.

Il DL deve fare una serie di verifiche su:

  • idoneità della documentazione, (ad esempio verificando la titolarità di chi ha emesso i documenti);
  • la dichiarazione di prestazione, le informazioni in esse riportate;
  • la titolarità dell’Organismo che ha emesso il certificato su cui si basa la dichiarazione;
  • la pertinenza del certificato stesso o le certificazioni e/o attestazioni (validità e campo di applicazione in relazione ai prodotti effettivamente consegnati).

Il direttore dei lavori può, in ogni caso, richiedere l’esecuzione di ulteriori prove che ritenga opportune o necessarie ai fini dell’accettazione dei materiali o prodotti per uso strutturale. Tali prove sono finalizzate sempre all’accettazione, per questa ragione devono far parte della documentazione tecnica prevista dal dpr 380/2001.

Oggetto di prova

In via generale e fermo restando quanto previsto nelle NTC, possono essere oggetto di prova:

  • i provini: confezionati da materiale in genere sciolto, come il conglomerato cementizio, le malte, ecc.;
  • i saggi: ottenuti/estratti da prodotti finiti, come lo spezzone estratto da una barra di acciaio da c.a. o il tallone ricavato da una lamiera, ecc.;
  • i campioni: un numero di pezzi singoli prelevati da un lotto di produzione o di spedizione, come ad esempio i bulloni.

Il direttore dei lavori provvede al campionamento dei materiali e dei prodotti da sottoporre alle prove di accettazione, nello specifico si occupa di:

  • confezionamento dei provini;
  • esecuzione/estrazione dei saggi;
  • prelevamento dei campioni;
  • conservazione e custodia dei campioni stessi fino alla consegna al laboratorio di cui all’articolo 59 del dpr 380/2001.

Il DL può delegare le suddette attività ad altro personale (ispettori di cantiere/direttori operativi) se lo ritiene opportuno.

Fac simile verbale accettazione materiali in cantiere

Di seguito ti propongo un fac simile di verbale di accettazione dei materiali elaborato con un software per capitolati speciali. Grazie al software sei sempre aggiornato secondo le normative vigenti, puoi compilare la modulistica che ti occorre, come il verbale in oggetto, senza incorrere in spiacevoli errori che potrebbero comportare gravi conseguenze.

Verbale di accettazione materiali

(art. 6 d.m. 7 marzo 2018 n.49)

LAVORI:               ___ – CUP: ___ – CIG: ___

COMMITTENTE:   ___, ___, ___, ___

IMPRESA:            ___, ___- ___

CONTRATTO:       in data ___ n. ___ di rep. registrato a ___, il ___ al n. ___ pari a ___

 

L’anno ___, il giorno ___del mese di ___ , nel ___ , il sottoscritto ___ , in qualità di Direttore dei Lavori, ha proceduto all’accettazione dei seguenti materiali e/o componenti: ______

  • verificando che gli stessi corrispondano alle prescrizioni del capitolato speciale e ai contenuti dell’offerta presentata dall’Impresa in sede di gara;
  • verificando che siano stati approvati dalle strutture di controllo di qualità del fornitore;
  • verificando che abbiano superato le fasi di collaudo prescritte dal controllo di qualità, dalle normative vigenti, dalle prescrizioni previste dal Piano d’azione nazionale di sostenibilità ambientale.

Nelle more della relativa posa in opera da parte dell’Impresa esecutrice, se ne dispone, a cura e responsabilità di quest’ultima, la custodia preventiva.

___ , ___

                                                                                                  Il Direttore dei Lavori

                                                                                              ______________________

 

primus-c
primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.