Sanzioni sicurezza sul lavoro: dal 1° luglio scatta l’aumento

Ecco il decreto Inl con la rivalutazione dell’1,9% delle sanzioni concernenti violazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

Rivalutate le sanzioni per le violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro: dal 1° luglio 2018 le ammende per contravvenzioni riguardanti l’igiene salute e la sicurezza sul lavoro e le sanzioni amministrative pecuniarie vengono rivalutate dell’1,9%.

Il Ministero del lavoro e delle Politiche sociali ha annunciato, infatti, con comunicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 140 del 19 giugno 2018, che è disponibile sul sito istituzionale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Inl, il decreto 12/2018 che rivaluta le sanzioni per violazioni in materia di salute e sicurezza dei lavoratori.

In particolare, viene decretato quanto segue:

Le ammende previste con riferimento alle contravvenzioni in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro e le sanzioni amministrative pecuniarie previste dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 nonché da atti aventi forza di legge, sono rivalutate, a decorrere dal 1° luglio 2018, nella misura dell’1,9%.

Ricordiamo che, ai sensi all’art. 306 comma 4-bis del dlgs 81/2008, la rivalutazione delle sanzioni derivanti dalla violazione delle norme vigenti in materia di sicurezza e salute del lavoro la suddetta rivalutazione avviene ogni cinque anni con decreto del direttore generale della Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, in misura pari all’indice Istat dei prezzi al consumo previa arrotondamento delle cifre al decimale superiore.

La rivalutazione del 2018 (nella misura dell’1,9%) è stata calcolata seguendo la variazione Istat dell’indice dei prezzi al consumo 2013/2018.

Si attende ora la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale.

 

Clicca qui per conoscere CerTus-LdL, il software per la sicurezza sui luoghi di lavoro

Clicca qui per scaricare il decreto 6 giugno 2018, n. 12

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *