Verso la tassazione fissa per i redditi da locazione

Il Ministro per la semplificazione normativa, Roberto Calderoli, ha annunciato che la cedolare secca per gli affitti sarà varata con un provvedimento ad hoc, probabilmente un decreto. Con "Cedolare Secca" si intende una tassazione secca, non ad aliquota marginale.

Il Ministro per la semplificazione normativa, Roberto Calderoli, ha annunciato che la cedolare secca per gli affitti sarà varata con un provvedimento ad hoc, probabilmente un decreto. Con “Cedolare Secca” si intende una tassazione secca, non ad aliquota marginale.
La cedolare secca è riconosciuta come misura anti-evasione, con la quale i proventi degli affitti vengono tassati separatamente rispetto al reddito principale del proprietario e sottoposti a un prelievo fisso (appunto “cedolare secca”), fino a oggi ipotizzato intorno al 20%.
Il progetto di una cedolare secca era già stato lanciato la scorsa legislatura da Francesco Rutelli, ma era naufragato per carenza di risorse.
Tra le ipotesi per l’attuazione anche quella di un emendamento al decreto incentivi, che sembra trovare d’accordo l’opposizione.
Secondo il ministro Calderoli, “allargando la base imponibile, il gettito sarà più alto della riduzione di risorse che deriverà dall’abbassamento dell’aliquota” e quindi l’impatto della norma, non sarebbe gravoso per le casse dello Stato.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *