Valutazione del rischio chimico: è possibile usare il manuale Inail nei siti contaminati?

Valutazione del rischio chimico: il Ministero chiarisce che il manuale Inail è utile e può essere usato nei siti contaminati non bonificati

Il Ministero, in riferimento ai nuovi interpelli di maggio 2016 in materia di salute e sicurezza, ha fornito chiarimenti circa l’uso del manuale Inail in caso di rischio chimico.

In particolare, Utilitalia chiede:

“se il datore di lavoro può utilizzare il metodo indicato nel manuale operativo pubblicato dall’Inail “Il rischio chimico per i lavoratori nei siti contaminati” ai fini della valutazione e della gestione dei rischi da agenti chimici pericolosi presenti a qualsiasi titolo nei siti contaminati e non impiegati in dirette attività di bonifica?”

L’art. 2 comma 1 lettera q), del dlgs 81/2008 (testo unico sulla sicurezza) definisce la valutazione dei rischi come “valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza”.

Inoltre. l’art. 28 comma 1 dello stesso decreto stabilisce l’obbligo che la valutazione dei rischi debba riguardare “tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori”.

L’art. 28 comma 2  lettera b) impone al datore di lavoro di indicare nel documento redatto a seguito della valutazione di cui all’art. 17 comma 1 lettera a) le “misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati”.

Ciò premesso, la Commissione, con l’Interpello n. 9 del 12 maggio 2016, ribadisce che l’utilizzo del documento Inail può costituire un valido riferimento in quanto propone una procedura utile per la valutazione e gestione del rischio chimico, ponendo essenzialmente l’attenzione sugli aspetti legati alla salute, fermo restando l’obbligo di valutazione del rischio per la sicurezza.

 

 

Clicca qui per scaricare Interpello n. 9 del 12 maggio 2016

Clicca qui per scaricare il manuale Inail sul rischio chimico

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *