Valutazione del rischio da stress lavoro-correlato: linee operative per piccole imprese

l Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro istituito dall’ISPESL ha messo a punto una proposta metodologica di valutazione dei rischi da stress correlato al lavoro, nata a partire dallo studio pilota degli SPISAL (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) della Provincia di Verona e del Centro clinico di Verona.

Lo stress non è una malattia, ma una situazione di prolungata tensione che può ridurre l’efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute. Esso può essere causato da diversi fattori come il contenuto del lavoro, l’eventuale inadeguatezza della gestione e dell’organizzazione del lavoro, carenze nella comunicazione, etc.
Valutare il rischio dovuto a stress lavoro-correlato è un obbligo di ciascun datore di lavoro.

Il Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro istituito dall’ISPESL ha messo a punto una proposta metodologica di valutazione dei rischi da stress correlato al lavoro, nata a partire dallo studio pilota degli SPISAL (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) della Provincia di Verona e del Centro clinico di Verona.

Queste linee operative hanno lo scopo di assistere le imprese di piccole dimensioni nella valutazione dello stress, attraverso una unica check-list finalizzata alla valutazione preliminare del rischio.

Il documento risulta sintetico e di semplice comprensione. È così strutturato:

  • definizione di stress lavoro-correlato
  • chi deve valutare il rischio
  • metodologie di valutazione
  • fase di valutazione preliminare
  • fase di valutazione approfondita
  • diagramma di flusso del processo di valutazione
  • check-list per la valutazione preliminare

Clicca qui per scaricare la guida operativa per la valutazione del rischio da stress

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *