“Valore normale” degli immobili: stop alle controversie in corso

Il "valore normale" di un immobile è un valore stimato sulla base delle quotazioni dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia del Territorio.

Il “valore normale” di un immobile è un valore stimato sulla base delle quotazioni dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia del Territorio.
Il Decreto Bersani (art.35, commi 2-3, del D.L. 223/2008, convertito, con modifiche, dalla legge 248/2006 ) consentiva, agli uffici per le cessioni immobiliari, accertamenti in base al valore normale ai fini IVA e delle imposte sul reddito.
Successivamente la Legge Comunitaria 2008 (L. 88/2009, art.24, commi 4, lett.f, e 5,) ha eliminato la possibilità di effettuare accertamenti immobiliari in base al “valore normale”.
Con la circolare 18/E/2010 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che l’abrogazione delle norme in materia di accertamento delle compravendite immobiliari in base al “valore normale” ha efficacia retroattiva.
Gli uffici locali dell’Agenzia, pertanto, dovranno abbandonare i giudizi in corso, nell’ipotesi in cui questi siano fondati solo sul “valore normale”.

Clicca qui per scaricare il testo della circolare 18/E /2010 dell’Agenzia delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *