Schermature solari, il vademecum aggiornato dell’Enea

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ecobonus per acquisto e posa in opera di schermature solari e/o chiusure oscuranti: non basta la marcatura CE, è richiesta anche la Dichiarazione di Prestazione (DoP)

In base a quanto previsto dalla legge di Stabilità 2015, da alcuni anni vi è la detrazione sulle spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari.

Sono, quindi, detraibili le spese per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari e/o chiusure tecniche mobili oscuranti (come elencate nell’allegato M al dlgs n. 311/2006), montate in modo solidale all’involucro edilizio o ai suoi componenti e installate all’interno, all’esterno o integrate alla superficie vetrata.

Al riguardo l’Enea ha aggiornato al 25 marzo 2020 il “Vademecum per l’uso schermature solari e chiusure oscuranti (comma 345, articolo 1, legge n. 296/2006)”.

I vademecum dell’Enea

Il presente documento è parte di una serie di vademecum redatti dall’Enea per supportare la rigenerazione e l’efficientamento energetico del patrimonio edilizio del nostro Paese.

Ecco gli articoli di BibLus-net che sintetizzano i contenuti dei vademecum (disponibili in allegato agli articoli):

Il vademecum sulle schermature solari

Beneficiari

Possono beneficiare dell’agevolazione tutti i contribuenti che:

  • sostengono le spese di riqualificazione energetica;
  • possiedono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l’edificio.

I contribuenti, in alternativa all’utilizzo diretto della detrazione fiscale, possono optare per la cessione del credito.

Edifici

Gli edifici interessati all’agevolazione sono quelli che siano esistenti alla data d’inizio dei lavori, ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso, e in regola con il pagamento di eventuali tributi.

Entità del beneficio

  • per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2020, la percentuale di detrazione è assunta pari al 50%;
  • per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2020 per interventi sulle parti comuni condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di un condominio, l’aliquota di detrazione è pari al 65%.

Il limite massimo della detrazione ammissibile è pari a 60.000 euro per unità immobiliare.

Spese ammissibili

Sono portate in detrazione le spese riguardanti:

  • fornitura e posa in opera di schermature solari e/o chiusure oscuranti tecniche;
  • eventuale smontaggio e dismissione di analoghi sistemi preesistenti;
  • prestazioni professionali (produzione della documentazione tecnica necessaria, direzione dei lavori etc.);
  • opere provvisionali e accessorie.

Documentazione

Deve essere trasmessa all’Enea, entro i 90 giorni dalla data fine dei lavori o di collaudo delle opere, unicamente la scheda descrittiva dell’intervento (attraverso l’apposito portale relativo all’anno in cui essi sono terminati).

I documenti da conservare a cura del cliente sono invece:

  • la certificazione del fornitore/produttore/assemblatore che attesti il rispetto dei requisiti tecnici richiesti;
  • la stampa originale della “scheda descrittiva dell’intervento”, riportante il codice CPID assegnato dal sito ENEA, firmata dal soggetto beneficiario;
  • le schede tecniche dei componenti e/o certificazione del produttore, marcatura CE con relative dichiarazioni di prestazione (DoP).

Mentre, la documentazione di tipo amministrativo riguarda:

  • delibera assembleare di approvazione di esecuzione dei lavori nel caso di interventi sulle parti comuni condominiali;
  • fatture relative alle spese sostenute, ovvero documentazione relativa alle spese il cui pagamento non possa essere eseguito con bonifico, e per gli interventi su parti comuni condominiali dichiarazione dell’amministratore del condominio che certifichi l’entità della somma corrisposta dal condomino;
  • ricevute dei bonifici (bancari o postali dedicati ai sensi della Legge 296/2006) recanti la causale del versamento, con indicazione degli estremi della norma agevolativa, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero e la data della fattura e il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto destinatario del singolo bonifico;
  • stampa della e-mail inviata dall’Enea contenente il codice CPID che costituisce garanzia che la scheda descrittiva dell’intervento è stata trasmessa.

 

Clicca qui per scaricare vademecum Enea

 

termus
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *