Pubblicata la UNI/PdR 83:2020 per l’adozione del MOG di salute e sicurezza sul lavoro

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Le indicazioni operative per l’adozione del Modello di Organizzazione e Gestione di salute e sicurezza sul lavoro per micro e piccole imprese

L’UNI ha pubblicato sul proprio sito la prassi di riferimento UNI/PdR 83:2020, dal titolo “Modello semplificato di Organizzazione e Gestione della salute e sicurezza sul lavoro, di cui al D.lgs. 81/2008, per micro e piccole imprese“.

La UNI, in vigore già dall’8 maggio scorso, fornisce gli indirizzi organizzativi ed operativi utili ai fini dell’adozione e di un’efficace attuazione del Modello di Organizzazione e Gestione in materia di salute e sicurezza sul lavoro (MOG).

La prassi si rivolge ai datori di lavoro di micro e piccole imprese che operano nei diversi settori produttivi e che intendono adottare un MOG aziendale al fine di migliorare i livelli di sicurezza dei lavoratori.

Il documento fornisce, infatti, indicazioni semplificate che tengono conto di:

  • la struttura e l’organizzazione aziendale;
  • le modalità di lavoro;
  • le specifiche esigenze delle micro e piccole imprese.

Uno strumento semplificato ed immediatamente operativo per la realizzazione di un sistema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, aggiornato secondo la normativa vigente.

La struttura modulare e le schede operative allegate consentono un’agevole applicazione nei differenti contesti aziendali e facilitano l’adeguamento alle specifiche caratteristiche delle imprese.

MOG: cosa sono

I modelli organizzativi (MOG) sono le colonne portanti della tutela della salute e sicurezza del lavoro mediante la realizzazione volontaria di uno schema organizzativo-gestionale e procedurale organico, strutturato individualmente per ciascuna realtà aziendale.

L’obiettivo perseguito è, quindi, il contenimento del rischio di infortuni sul lavoro o malattie professionali mediante la prevenzione dei rischi che si realizza anche tramite l’organizzazione aziendale.

I passaggi chiave sono:

  • monitorare i rischi a cui ogni attività produttiva inevitabilmente si espone;
  • contenere suddetti rischi entro limiti accettabili;
  • pianificare adeguate contro-misure per ciascuno rischio individuato.

Molteplici sono i vantaggi per le aziende che li adottano:

  • riduzione dei costi derivanti da incidenti, infortuni e malattie professionali, attraverso la minimizzazione dei rischi cui possono essere esposti i lavoratori ed i terzi eventualmente presenti;
  • ottimizzazione delle risorse investite e all’agevolazione nella produzione della documentazione richiesta dalla normativa;
  • maggiore efficienza dell’azienda e quindi alla competitività sul mercato;
  • maggiore flessibilità nell’uniformarsi all’evoluzione legislativa e di norme tecniche.

 

Clicca qui per accedere al sito UNI

 

certus-ldl

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *