Una legge per prevenire le cadute dall’alto nei cantieri edili in Liguria

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 17 febbraio 2010 è stata pubblicata la Legge 15 febbraio 2010, n. 5 recante "Norme per la prevenzione delle cadute dall’alto nei cantieri edili.

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 17 febbraio 2010 è stata pubblicata la Legge 15 febbraio 2010, n. 5 recante “Norme per la prevenzione delle cadute dall’alto nei cantieri edili.

La nuove legge, che intende prevenire le cadute dall’alto nei cantieri edili, prevede che “gli interventi di nuove costruzioni, ristrutturazioni ed ampliamenti in edilizia, nonché le semplici manutenzioni in copertura o installazioni di impianti tecnici, telematici, fotovoltaici, devono presentare caratteri tali da eliminare il rischio caduta dall’alto, fornendo un sistema di ancoraggio permanente e sicuro per i lavoratori che operano sul tetto. Le coperture piane o a falda inclinata poste ad altezza superiore a due metri rispetto ad un piano stabile devono essere dotate di dispositivi fissi e permanenti a norma Uni En 795”.

Il rispetto dei requisiti di sicurezza deve essere garantito da un’attestazione del progettista allegata alla D.I.A. o alla richiesta di Permesso di Costruire necessari per dar corso ai lavori.

L’attestazione dovrà contenere:

  • un elaborato planimetrico che individui i punti di installazione dei dispositivi di ancoraggio
  • l’indicazione dell’accesso in copertura, le modalità di transito sulla stessa
  • le certificazioni relative ai prodotti installati
  • le dichiarazioni di conformità e corretta installazione
  • una copia dell’autorizzazione ad installare rilasciata dal produttore dei dispositivi
  • l’attestazione che gli installatori sono in grado di eseguire lavori secondo quanto specificato all’interno delle linee guida Ispesl per l’esecuzione di lavori temporanei in quota

Clicca qui per scaricare la L.R. Liguria n. 5/2010

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *