Tutto ciò che occorre sapere sulla Certificazione Energetica: approfondimenti, metodologie di calcolo, chiarimenti e statistiche dal CTI

Il CTI (Comitato Termotecnico Italiano) ha presentato il “Rapporto 2012: Attuazione della Certificazione Energetica degli Edifici in Italia”.

Il CTI (Comitato Termotecnico Italiano) ha presentato il “Rapporto 2012: Attuazione della Certificazione Energetica degli Edifici in Italia”.

Il Rapporto è lo strumento di verifica sullo stato di applicazione della certificazione energetica in Italia ed è fondamentale per la pianificazione delle attività future.
Il documento contiene una serie di informazioni interessanti riguardo alle procedure di certificazione energetica e una serie di chiarimenti sull’applicabilità delle norme tecniche.
In particolare, vengono illustrati in dettaglio:

  • il quadro legislativo europeo, nazionale e regionale;
  • le procedure di calcolo per la valutazione del fabbisogno di energia primaria;
  • le metodologie per la determinazione della prestazione energetica e la classificazione degli edifici;
  • le modalità di certificazione di edifici e di singoli appartamenti;
  • i riferimenti e gli orientamenti per le Regioni che non hanno adottato regolamenti regionali;
  • le norme adottate e le modalità applicative regione per regione.

Il documento, inoltre, effettua un’analisi delle norme tecniche, fornendo schemi e chiarimenti anche sulle UNI/TS 11300.
Riportiamo di seguito, a titolo di curiosità, alcuni dati registrati fino al 31 dicembre 2011:

  • gli Attestati di Certificazione Energetica rilasciati sono stati circa 2 milioni e mezzo;
  • 10 regioni non hanno una legge quadro in materia;
  • 4 regioni hanno un catasto energetico;
  • 8 regioni hanno un elenco dei certificatori energetici;
  • poche regioni hanno avviato le attività di controllo sugli ACE e previsto le relative sanzioni;
  • solo in Lombardia è stato reso noto il numero di targhe energetiche installate.

Clicca qui per scaricare il Rapporto 2012 del CTI

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *