Testo Unico della Sicurezza: il Governo approva il disegno di legge delega

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge "Delega al Governo per l’emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro".

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge “Delega al Governo per l’emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro”.
Secondo il Governo la delega non si tradurrà nell’emanazione di un testo unico meramente compilativo, in quanto sono previsti l’introduzione dei necessari aggiornamenti nella normativa delegata e il superamento di lacune significative.
Tra gli interventi principali che il Governo intendere attuare:

  • riformulazione e all’adeguamento del sistema sanzionatorio;
  • promozione della cultura e delle azioni di prevenzione;
  • revisione della normativa in materia di appalti prevedendo misure dirette a:
    • migliorare l’efficacia della responsabilità solidale tra appaltante ed appaltatore e il coordinamento degli interventi di prevenzione dei rischi, con particolare riferimento ai subappalti;
    • modificare il sistema di assegnazione degli appalti pubblici al massimo ribasso, al fine di garantire che l’assegnazione non determini la diminuzione del livello di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori
  • previsione della piena garanzia per i lavoratori “parasubordinati”, che vengono considerati beneficiari di tutela in quanto semplicemente presenti in un ambiente di lavoro di cui il datore abbia la disponibilità, indipendentemente dal tipo di contratto o dal titolo per cui prestano opera;
  • rafforzamento del ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale.

Il Disegno di Legge approvato dall’Esecutivo è ora all’esame del Parlamento.

Documento Dimensione Formato
Disegno di Legge Delega in materia di Sicurezza sul Lavoro 26 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *