Terzo conto energia: la guida per l’integrazione architettonica del fotovoltaico del GSE in inchiesta pubblica

Il GSE ha pubblicato la "Guida alle applicazioni innovative finalizzate all’integrazione architettonica del fotovoltaico" prevista dal Decreto Ministeriale 6 agosto 2010 (terzo conto energia).

Il GSE ha pubblicato la Guida alle applicazioni innovative finalizzate all’integrazione architettonica del fotovoltaico prevista dal Decreto Ministeriale 6 agosto 2010 (terzo conto energia).
Ricordiamo che, con il terzo conto energia, il premio per l´integrazione architettonica sarà riservato esclusivamente agli impianti fotovoltaici che utilizzano moduli e componenti speciali sviluppati per sostituire elementi architettonici integrandosi perfettamente negli edifici.
Con questa guida, attualmente in “inchiesta pubblica”, il GSE intende definire univocamente i requisiti che deve avere un modulo o un componente fotovoltaico per essere considerato integrato architettonicamente.
Secondo il documento elaborato dal GSE, per poter accedere alle tariffe “premio”, gli impianti fotovoltaici dovranno utilizzare moduli e componenti con le seguenti caratteristiche:

  1. moduli e componenti speciali, sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici di edifici quali:
    1. coperture degli edifici;
    2. superfici opache verticali;
    3. superfici trasparenti o semitrasparenti;
    4. superfici apribili e assimilabili quali porte, finestre e vetrine anche se non apribili comprensive degli infissi.
  2. moduli e componenti che abbiano significative innovazioni di carattere tecnologico;
  3. moduli progettati e realizzati industrialmente per svolgere, oltre alla produzione di energia elettrica anche funzioni architettoniche fondamentali quali:
    1. protezione e regolazione termica dell´edificio;
    2. tenuta all´acqua e impermeabilizzazione della struttura edilizia sottesa;
    3. tenuta meccanica comparabile con l´elemento edilizio sostituito.

I moduli, inoltre, dovranno essere installati in modo tale:

  1. da sostituire componenti architettonici degli edifici;
  2. da svolgere una funzione di rivestimento di parti dell´edificio, altrimenti svolta da componenti edilizi non finalizzati alla produzione di energia elettrica;
  3. che il sistema fotovoltaico, da un punto di vista estetico, deve inserirsi armoniosamente nel disegno architettonico dell’edificio.

Entro il 13 dicembre 2010 è possibile inviare al GSE eventuali osservazioni alla casella di posta elettronica indicata nella guida (consultazione.FTV@gse.it).

Clicca qui per scaricare la “Guida alle applicazioni innovative finalizzate all’integrazione architettonica del fotovoltaico”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *