Tassa sui Rifiuti: i criteri per la rideterminazione delle superfici.

Il comma 340 dell’art. 1 della Legge 311/2004 (Finanziaria 2005) prevede che, con decorrenza 1 gennaio 2005, la superficie di riferimento per la determinazione dell’ammontare della tassa sui rifiuti non possa essere inferiore all’80% della superficie catastale.

Il comma 340 dell’art. 1 della Legge 311/2004 (Finanziaria 2005) prevede che, con decorrenza 1 gennaio 2005, la superficie di riferimento per la determinazione dell’ammontare della tassa sui rifiuti non possa essere inferiore all’80% della superficie catastale.
L’Agenzia del Territorio, con il provvedimento 9 agosto 2005, ha definito la procedura per la determinazione della superficie degli immobili, che dovrà avvenire secondo le disposizioni contenute nell’allegato C al D.P.R. 138/1998.
Tale provvedimento, tuttavia, prevede gruppi e categorie catastali non ancora vigenti; per questo l’Agenzia ha predisposto un elenco di corrispondenza tra le attuali categorie e quelle previste dal D.P.R. 138/1998.
Nel caso in cui la superficie dell’unità immobiliare (denunciata dal contribuente) risulti inferiore al valore previsto dalla Finanziaria sarà adeguata d’ufficio dal Comune.

Documento Dimensione Formato
Provvedimento dell’Agenzia del Territorio 9 agosto 2005 11 Kb PDF
D.P.R. 138/1998 27 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *