Immagine categoria varie e brevi

“Tariffazione Bioraria” dell’elettricità per tutti dal primo luglio 2010

L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha stabilito che dal primo luglio 2010 verranno gradualmente introdotte tariffe differenziate per fasce orarie.

L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha stabilito che dal primo luglio 2010 verranno gradualmente introdotte tariffe differenziate per fasce orarie.
I nuovi prezzi “biorari” dell’elettricità, così distinti, si applicheranno progressivamente e in modo automatico a tutti coloro che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica alle condizioni stabilite dall’Autorità, cioè a chi, al momento, non ha cambiato il proprio fornitore di elettricità.
All’inizio la differenza tra i prezzi delle due fasce di consumo sarà molto basso; infatti l’Autorità ha previsto un periodo transitorio di diciotto mesi durante il quale lo scostamento tra i due prezzi (quello più caro, tecnicamente F1, valido dalle 8 alle 19 dei giorni feriali, e quello più conveniente, tecnicamente F2 ed F3, valido dalle 19 alle 8 dei feriali e nei festivi per l’intero arco della giornata) sarà intorno al 10%. Solo a partire da gennaio 2012 la differenza degli addebiti nelle due fasce orarie sarà più marcata.
I prezzi biorari infatti, spiega l’AEEG, rivelano quello che è il diverso costo dell’energia elettrica all’ingrosso nelle diverse ore (più alto di giorno quando c’è maggior domanda e più basso la sera, nei fine settimana e nei festivi quando la richiesta è minore). Pertanto lo scopo è stabilire una maggiore equità fra i consumatori perché ogni utente pagherà il prezzo relativo al proprio modo di utilizzare l’elettricità, come già avviene nel settore industriale.
L’AEEG ha elaborato e messo a disposizione sul proprio sito internet uno strumento chiamato “Pesa consumi” che aiuta a capire quanto i diversi elettrodomestici influiscono sui propri consumi nei momenti in cui l’elettricità ha un costo più elevato.
Con il “Pesa consumi” è possibile valutare quanta parte degli attuali consumi può essere spostata dalle ore a maggior prezzo (fascia F1) alle ore a minor prezzo (fascia F2 e F3), semplicemente concentrando l’utilizzo di alcuni elettrodomestici nei momenti più convenienti.
Per utilizzare lo strumento occorre avere a disposizione la ripartizione dei propri consumi nelle diverse fasce che è indicata in bolletta.
I risultati del Pesa Consumi sono indicativi: i reali consumi di ogni elettrodomestico infatti, sono influenzati da numerosi fattori come, ad esempio, la marca e modello, la modalità di installazione, di utilizzo, il clima, ecc.

Clicca qui per scaricare l’opuscolo informativo “Bioraria per tutti” dell’AEEG
Clicca qui per scaricare Deliberazione 25 febbraio 2010 – ARG/elt 22/10
Clicca qui per utilizzare il “Pesa Consumi” dell’AEEG

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *