Rischio caduta dall’alto, dalla Suva l’analisi di un nuovo infortunio in cantiere

Rischio caduta dall’alto, un nuovo esempio di infortunio in cantiere. La caduta da 21 m: analisi della dinamica dell’incidente, osservazioni e misure di prevenzione

Gli infortuni in cantiere causano spesso danni gravi ai lavoratori e costi elevati per i responsabili, ma spesso dagli errori si impara.

Ogni infortunio dovrebbe far riflettere ciascun datore di lavoro ed essere l’occasione per formare e informare opportunamente i propri lavoratori, per evitare che l’incidente si ripeta.

La Suva ha proposto una serie di esempi di infortunio che, attraverso immagini dettagliate e puntuali didascalie, rappresentano le diverse tipologie di infortunio più comuni. In particolare, viene fornita la descrizione dell’incidente, l’analisi delle cause che hanno provocato l’infortunio e le misure di prevenzione da adottare.

Rischio caduta dall’alto: un esempio pratico

Il caso di infortunio riguarda un operaio dipendente di un’impresa di gessatura, che durante la sua attività di intonacatore cade in un vano tecnico, precipitando da un’altezza di ben 21 m riportando lesioni permanenti.

L’operaio stava effettuando lavori di picozzatura al 4° piano di un edificio in costruzione utilizzando un ponteggio da gessatore in una posizione pericolosa, in vicinanza di un’apertura nella parete in cui non erano presenti protezioni anti-caduta al fine di applicare l’intonaco ai bordi dell’apertura.

L’operaio, per motivi sconosciuti, entrava nel vano tecnico poggiando il piede su uno sbarramento antincendio; lo sbarramento cedeva e l’operaio precipitava da un’altezza di 21 metri, riportando gravi lesioni.

Indagine Suva

Dall’indagine svolta dalla Suva emergono le seguenti criticità:

  • le protezioni in corrispondenza dell’apertura del vano tecnico erano state rimosse prima di iniziare i lavori di gessatura
  • i 2 pannelli antincendio posti nel vano tecnico non erano resistenti allo sfondamento (ossia non erano stati coperti con rivestimenti resistenti alla rottura, quali grigliati, barre di metallo o lamiere bugnate)
  • l’operaio lavorava in prossimità di un punto pericoloso

Conseguenze infortunio

L’operaio in questione riporta lesioni gravi che lo costringono ad essere assistito per il resto della sua vita.

Misure di prevenzione

La Suva ricorda le Otto regoli vitali per pittori e gessatori da adottare per lavorare in maniera sicura:

  1. non improvvisare
  2. utilizzare i ponteggi
  3. mettere in sicurezza i lati aperti
  4. controllare i ponteggi ogni giorno
  5. impiegare correttamente le scale a pioli
  6. mettere in sicurezza le aperture nel pavimento
  7. mettere in sicurezza le aperture nelle pareti
  8. utilizzare i dispositivi di protezione individuale

 

Clicca qui per scaricare l’esempio di infortunio Suva “Caduta di 21 m di un operaio in un vano tecnico”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *