Super ammortamento per professionisti e imprese: come scaricare il 140% delle spese sostenute

Super ammortamento beni strumentali per professionisti e imprese: i chiarimenti su beneficiari, beni agevolabili e modalità di accesso

Al fine di incentivare gli investimenti per professionisti e imprese, la legge di Stabilità 2016 ha previsto una particolare agevolazione consistente nell’ammortamento del 140% dei beni strumentali nuovi, il cosiddetto super ammortamento.

Si tratta di una maggiorazione del 40% del costo fiscalmente riconosciuto per i beni acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016, ai soli fini della determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria.
L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 23/E del 26 maggio 2016, fornisce le indicazioni relative alle modalità di applicazione del super ammortamento e chiarisce i dubbi interpretativi posti in occasione di eventi in videoconferenza organizzati dalla stampa specializzata.

In particolare il documento illustra, anche tramite esempi, le modalità di calcolo del super ammortamento e chiarisce una serie di casi particolari (es. beni acquisiti in leasing).

Beneficiari

I soggetti beneficiari dell’agevolazione sono:

  • tutti i titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal settore economico in cui operano
  • i lavoratori autonomi che svolgano arti o professioni anche in forma associata
  • le stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti
  • gli enti non commerciali con riferimento all’attività commerciale eventualmente esercitata
  • le persone fisiche che esercitano attività di impresa, arte o professione applicando il regime dei minimi
  • coloro che rientrano nel regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile
  • i lavoratori in mobilità

Sono, invece, esclusi imprenditori e lavoratori autonomi che applicano il regime forfettario e le imprese marittime.

Beni agevolabili

L’Agenzia chiarisce che la maggiorazione del 40% riguarda solo i beni strumentali:

  • materiali, non spetta per beni immateriali
  • nuovi, non è consentita per l’acquisizione di beni a qualunque titolo già utilizzati
  • strumentali, se caratterizzati dal requisito della “strumentalità” rispetto all’attività esercitata dall’impresa beneficiaria della maggiorazione

Sono invece esclusi:

  • i beni immateriali
  • i beni merci
  • i beni già utilizzati
  • i beni trasformati o assemblati per l’ottenimento di prodotti destinati alla vendita
  • i materiali di consumo
  • i beni acquisiti tramite un contratto di locazione operativa o di noleggio
  • beni materiali strumentali per i quali il Dm 31 dicembre 1988 stabilisce coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%
  • i fabbricati e le costruzioni
  • i beni indicati nella tabella allegata alla legge di Stabilità 2016 (Allegato 3)

Tabella Allegato 3 legge di Stabilità

Gruppo V – Industrie manifatturiere alimentari Specie 19 – Imbottigliamento di acque minerali naturali Condutture
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte per usi civili (reti urbane)
Gruppo XVII -Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 4/b – Stabilimenti termali, idrotermali Condutture
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte dorsali per trasporto a grandi distanze dai centri di produzione
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte dorsali per trasporto a grandi distanze dai giacimenti gassoso acquiferi; condotte di derivazione e di allacciamento
Gruppo XVIII -Industrie dei trasporti e delle telecomunicazioni Specie 4 e 5 – Ferrovie, compreso l’esercizio di binari di raccordo per conto terzi, l’esercizio di vagoni letto e ristorante. Tramvie interurbane, urbane e suburbane, ferrovie metropolitane, filovie, funicolari, funivie, slittovie ed ascensori Materiale rotabile, ferroviario e tramviario (motrici escluse)
Gruppo XVIII -Industrie dei trasporti e delle telecomunicazioni Specie 1, 2 e 3 – Trasporti aerei, marittimi, lacuali, fluviali e lagunari Aereo completo di equipaggiamento (compreso motore a terra e salvo norme a parte in relazione ad esigenze di sicurezza)

 

Mezzi di trasporto a motore

La circolare chiarisce, inoltre, che il super ammortamento riguarda anche l’acquisto di mezzi di trasporto a motore. In particolare:

  • i mezzi esclusivamente strumentali o adibiti ad uso pubblico
  • i mezzi dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d’imposta
  • i mezzi utilizzati per scopi diversi (per i quali è previsto un limite massimo di deducibilità)

Investimenti

Il beneficio spetta, oltre che per l’acquisto dei beni da terzi, in proprietà o in leasing, anche per la realizzazione degli stessi in economia o mediante contratto di appalto; sono, invece, esclusi i beni acquisiti tramite un contratto di locazione operativa o di noleggio.

Ambito temporale

Sotto il profilo temporale, il comma 91 dell’articolo 1 della legge di Stabilità 2016 dispone che la maggiorazione del 40% del costo di acquisizione compete per gli investimenti effettuati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016.

Beni acquisiti in proprietà

La circolare chiarisce che in caso di beni acquisiti in proprietà, la maggiorazione deve essere fruita in base ai coefficienti di ammortamento stabiliti dal dm 31 dicembre 1988, a partire dall’esercizio di entrata in funzione del bene, ridotti alla metà per il primo esercizio.

Beni acquisiti tramite leasing

In base a quanto ribadito dalle Entrate la deduzione dei canoni di locazione finanziaria è consentita per un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito dal dm 31 dicembre 1988. La durata del contratto di locazione finanziaria e, quindi, il periodo di deduzione civilistica dei canoni di leasing, può essere uguale, superiore o inferiore alla durata minima fiscale calcolata fiscalmente.

Beni dal costo unitario non superiore a 516,46 euro

Inoltre, per acquisti di beni con costo unitario inferiore a 516,46 euro, le spese possono essere dedotte integralmente nell’esercizio in cui sono state sostenute (anche nel caso in cui il costo del bene superi l’importo di 516,46 euro per effetto della maggiorazione).

Effetti delle disposizioni sul super ammortamento

Infine, ricorda la circolare, il super ammortamento opera con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria; non incide su:

  • calcolo delle plusvalenze o delle minusvalenze
  • deduzione integrale del costo dei beni il cui costo unitario non è superiore a 516,46 euro
  • calcolo del plafond del 5% relativo alla deducibilità delle spese di manutenzione e riparazione
  • calcolo del limite triennale relativo agli acquisti di beni strumentali per i contribuenti minimi
  • calcolo dei parametri utilizzati per effettuare il test di operatività delle società di comodo
  • calcolo degli studi di settore

 

Clicca qui per scaricare la circolare 23/E del 26 maggio 2016

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *