Immagine categoria approfondimenti tecnici

Studi di settore: le novità e i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicate le revisioni di 68 studi precedentemente in vigore, riguardanti diversi settori, tra cui quello delle attività professionali.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 30/E per fornire una serie di chiarimenti sugli “Studi di Settore – periodo di imposta 2010”.
Nel documento sono pubblicate le revisioni di 68 studi precedentemente in vigore, riguardanti diversi settori, tra cui quello delle attività professionali.

Gli studi di settore si modificano dando maggiore importanza alla territorialità, al fine di differenziare l’applicazione degli stessi in funzione del luogo in cui viene svolta l’attività. Al riguardo sono stati introdotti due nuovi indicatori, che tengono conto della variabilità territoriale dei canoni di locazione e dell’influenza del costo delle retribuzioni.

Per i professionisti sono stati introdotti i correttivi congiunturali di settore che modificano i risultati dello studio in funzione del numero di incarichi.
Ricordiamo che gli studi di settore sono uno strumento che il Fisco utilizza per rilevare la capacità produttiva di liberi professionisti, lavoratori autonomi e imprese. Vengono elaborati mediante analisi economiche e tecniche statistico-matematiche, consentendo di stimare i ricavi o i compensi che possono essere attribuiti al contribuente.

Per ulteriori informazioni sugli studi di settore e sulla modalità di comunicazione dei dati, si rinviano i lettori all’articolo “Studi di settore: cosa sono e come comunicare i dati”.

Clicca qui per scaricare la Circolare n. 30/E dell’Agenzia delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *