Strade ed asili nido: in arrivo finanziamenti per il Sud

80 milioni di euro per la messa in sicurezza delle strade e 21 milioni per gli asili nido: questi i finanziamenti previsti dai Fondi Sviluppo e Coesione (FSC) per il Mezzogiorno

L’ANCI, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, rende noti i risultati della riunione della cabina di regia dei Fondi Sviluppo e Coesione (FSC) che si è svolta a Palazzo Chigi il 18 marzo: in arrivo finanziamenti per il Sud per strade ed asili nido.

La cabina di regia decide le assegnazioni programmatiche del FSC prima che la deliberazione del CIPE rendano le assegnazioni definitive e operative.

Saranno così stanziati:

  • 80 milioni di euro per il “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade”, nei piccoli Comuni delle aree interne del Mezzogiorno
  • 21 milioni di euro da destinare al “Piano straordinario asili nido”, indirizzato ai Comuni che fanno parte delle sette città metropolitane meridionali.

La somma stanziata per il piano sicurezza delle strade dei piccoli Comuni delle aree interne, verrà ripartita in quote uguali fra le 8 regioni interessate, sarà disponibile per l’intero anno in corso e finanzierà progetti inviati entro il 31 dicembre 2019 fino ad esaurimento delle risorse.

Il piano straordinario asili nido ha invece una dotazione finanziaria di 21 milioni di euro, che verrà ripartita in quote uguali fra le sette città metropolitane del Mezzogiorno.

Il fondo FSC, insieme ai fondi strutturali UE, risponde effettivamente alle primarie esigenze di investimento nelle aree svantaggiate del Paese con il fine del riequilibrio territoriale e il sostegno alla crescita economica e sociale del Paese.

IL responsabile ANCI per le politiche di coesione territoriale, afferma che:

per rendere tale lavoro più proficuo è importante che ci sia il coinvolgimento di ANCI anche nella fase di istruttoria tecnica delle decisioni della Cabina di regia, in modo da poter qualificare maggiormente l’apporto sia in termini di identificazione del fabbisogno di intervento sia in termini di proposta sia sul fronte di una gestione e attuazione più efficace e veloce degli investimenti programmati

Nel merito delle proposte portate all’attenzione, il delegato ANCI ha apprezzato le proposte del Governo, sottolineando l’importanza di un intervento di potenziamento dell’offerta di asili nido nelle città metropolitane nonché la messa in sicurezza delle strade nei Comuni di aree interne.

Su tutti i due fronti, ha ricordato inoltre l’importanza sia degli stanziamenti per i piccoli comuni previsti nella legge di stabilità 2019 sia del Programma PAC che, da qualche anno, opera sui servizi di cura all’infanzia e agli anziani e che andrà in scadenza a breve, lasciando ai Comuni la pesante incombenza di reperire nei propri bilanci le risorse finanziarie necessarie al mantenimento dei servizi attivati.

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *