Stime immobiliari, ecco i nuovi valori di riferimento OMI per le quotazioni di fabbricati residenziali e non residenziali

Stime immobiliari, sono state pubblicate le nuove quotazioni OMI (secondo semestre 2015) per la stima di fabbricati residenziali e non residenziali

I nuovi valori della banca dati OMI sono riferiti al secondo semestre 2015 e sono in vigore dal 15 marzo 2016.

La banca dati OMI definisce per ciascuna zona omogenea (zona OMI) un intervallo di valori di riferimento a metro quadro, da un minimo ad un massimo, per tipologia immobiliare (abitazioni civili, abitazioni economiche, etc.).

I valori sono espressi in euro a metro quadro per i seguenti immobili:

  • immobili a destinazione residenziale
  • immobili a destinazione commerciale
  • immobili a destinazione  terziaria e produttiva

Sono inoltre riportati i valori minimi e massimi per la locazione, espressi in euro al metro quadro al mese.

I valori proposti dalla banca dati OMI fanno riferimento ad unità immobiliari in condizioni ordinarie, con espressa esclusione degli immobili di particolare pregio (o degrado) o che comunque presentano caratteristiche non ordinarie per la zona di appartenenza.

Quotazioni immobiliari OMI

Per eventuali approfondimenti sui criteri di formazione delle zone OMI e delle quotazioni immobiliari, si rimanda alla pagina Metodologie e processi OMI.

Da sottolineare che nell’ambito dei processi estimativi le quotazioni OMI non possono intendersi sostitutive della stima puntuale, in quanto forniscono indicazioni di valore di larga massima. Solo la stima effettuata da un tecnico professionista può rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia l’immobile e motivare il valore da attribuirgli.

 

Clicca qui per accedere alle quotazioni OMI

Clicca qui per conoscere EsTimus

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

5 commenti
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Salvatore,
      le quotazioni OMI sono rese disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate e non possono essere scaricate integralmente, ma consultate dopo aver selezionato Provincia e Comune di interesse.

      La consultazione è possibile mediante:
      – ricerca testuale
      – ricerca cartografica (GEOPOI)
      – ambiente mobile (per smartphone/tablet)

      Scegli quella di tuo interesse dalla pagina che si apre cliccando sul link in fondo all’articolo.
      Saluti.

      Rispondi
  1. giuseppe
    giuseppe dice:

    buonasera volevo sapere… le quotazioni sono da ritenersi comprensive di iva qualora l’immobile venga locato e venduto da una società immobiliare, o sono da ritenersi più iva se dovuta???
    grazie.

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Innanzitutto si tratta di valori orientativi del mercato, non di quotazioni esatte. Diverso è il discorso del prezzo di compravendita di un immobile. Se il trasferimento avviene da costruttore a privato è dovuta l’Iva (nella misura del 4% o del 10% o del 22%), mentre le imposte di registro e ipocatastali sono dovute in misura fissa.

      Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Le quotazioni immobiliari sono pubblicate con cadenza semestrale (quotazioni OMI secondo semestre 2015). […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *