Stampa 3D, ecco il primo ponte ciclabile in cemento armato precompresso

Stampa 3D: inaugurato a Gemert (Paesi Bassi) il primo ponte ciclabile in cemento armato precompresso interamente stampato in 3D

Lo scorso 17 ottobre 2017 a Gemert, nei Paesi Bassi, è stato inaugurato il primo ponte in cemento precompresso stampato interamente in 3D. Il ponte, progettato per un traffico ciclabile, è stato stampato presso l’Università di Tecnologia di Eindhoven, nel settore di ricerca e sviluppo.

Il ponte ha le seguenti caratteristiche:

  • lunghezza 8 metri (netta 6,5 metri)
  • larghezza 3,5 metri
  • collaudato per un carico di 5 tonnellate (molto di più del carico di progetto)
  • vita utile: 30 anni

I ricercatori dell’Università di Tecnologia di Eindhoven sono riusciti a sviluppare un processo per incorporare il cavo di rinforzo in acciaio durante il getto. Ricordiamo che il cavo in acciaio nel precompresso è l’equivalente dell’armatura in acciaio utilizzata nel calcestruzzo convenzionale.

Vantaggi

Uno dei vantaggi principali della stampa 3D di calcestruzzo è l’utilizzo di una minore quantità di cemento rispetto la tecnica convenzionale, in cui uno stampo è pieno di calcestruzzo. Con questa tecnica viene gettato solo il calcestruzzo dove è necessario, riducendo le emissioni di CO2, in quanto la produzione di cemento ha una quantità di carbonio molto elevata.

Un altro beneficio consiste nella libertà di forma: la stampante può produrre qualsiasi forma desiderata.

La stampa in calcestruzzo consente anche una velocità di realizzazione molto maggiore. Non è necessario costruire e smantellare strutture di ceramica, e l’acciaio non deve essere installato separatamente. Nel complesso, i ricercatori ritengono che la realizzazione sarà alla fine 3 volte più veloce rispetto alle tecniche tradizionali.

 

Di seguito proponiamo il video relativo all’inaugurazione del ponte 3D.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *