Sport e periferie 2018: ecco le graduatorie con i Comuni assegnatari

Pubblicate le graduatorie con l’assegnazione dei fondi previsti dal bando Sport e periferie: 10 milioni di euro per il 2018 per ristrutturazione e costruzione di impianti sportivi di Comuni e scuole

Il 6 giugno 2019 la Conferenza delle Regioni ha approvato la graduatoria finale dei progetti presentati nell’ambito del bando “Sport e periferie”; saranno così finanziati i progetti a favore della diffusione della cultura dello sport nelle zone più svantaggiare del Paese e nelle periferie urbane.

Il fondo è finalizzato in particolare alla ricognizione degli impianti sportivi esistenti, alla realizzazione e rigenerazione, al completamento e adeguamento di impianti sportivi destinati all’attività agonistica nazionale.

La Conferenza delle Regioni ha espresso alcune raccomandazioni, tra cui di prevedere, per i progetti in graduatoria, la pubblicazione del dettaglio dei punteggi assegnati per singolo criterio e per i progetti esclusi, la pubblicazione dei motivi di esclusione e di considerare nella distribuzione delle risorse le due Province autonome di Trento e Bolzano individualmente.

Con la pubblicazione delle graduatorie si porta così a conclusione il bando relativo al 2018: si attende ora la pubblicazione del nuovo bando 2019. 

Il bando Sport e periferie

Ricordiamo che l’ufficio dello sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il bando finanzia gli interventi di:

  • realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi, localizzati nelle aree svantaggiate e nelle periferie urbane
  • diffusione di attrezzature sportive
  • completamento ed adeguamento di impianti sportivi esistenti

Il finanziamento previsto annualmente, a partire dal 2018, è di 10 milioni di euro e diventerà un fondo strutturale.

Per ciascun intervento l’importo da finanziare non potrà essere superiore a 500.000 euro.

Beneficiari

Il bando è rivolto a :

  • Pubbliche Amministrazioni
  • istituzioni scolastiche
  • enti no profit

Criteri di selezione

Tra i criteri di selezione, sono preferiti gli interventi:

  • con progettazione esecutiva
  • in comuni con meno di 5.000 abitanti
  • localizzati in aree colpite da calamità naturali
  • localizzati in aree con indicatori di redditi Istat bassi
  • localizzati in aree con indicatori Istat di scolarizzazione bassi

 

Clicca qui per scaricare il bando

Clicca qui per scaricare la graduatoria

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *