SPIN GNSS, il mega osservatorio satellitare per rilievi catastali e topografici di massima precisione

SPIN GNSS: realizzato il mega osservatorio con 30 stazioni permanenti in Lombardia e Piemonte per la mappatura satellitare del territorio

Dalla collaborazione tra le regioni Lombardia e Piemonte è nato il mega-osservatorio per la mappatura satellitare del territorio, lo SPIN (Servizio di Posizionamento Interregionale) GNSS (Gobal navigation satellite system).

Si tratta di un osservatorio iper-tecnologico con 30 stazioni permanenti:

  • 15 in Lombardia
  • 15 in Piemonte

Lo SPIN GNSS fornirà informazioni di una precisione assoluta, utili per la messa a sistema delle conoscenze territoriali, alla base della prevenzione dei rischi e della gestione di eventi catastrofici.

L’infrastruttura a servizio dei cittadini, professionisti pubblici e privati, potrà essere utilizzata anche per effettuare misurazioni precise al millimetro, direttamente sul territorio:

  • rilievi topografici, cartografici e catastali
  • monitoraggi degli spostamenti delle opere infrastrutturali e dei versanti
  • corretta geolocalizzazione degli oggetti che popolano le banche dati territoriali

SPIN GNSS, come funziona

La rete è costituita da 30 stazioni permanenti GNSS distribuite in maniera omogenea sul territorio piemontese e lombardo, e dotate di ricevitori geodetici multi-costellazione aperti all’uso delle seguenti costellazioni:

  • GPS
  • GLONASS
  • Galileo e COMPASS (future costellazioni)

Ciascun ricevitore è collegato ad un’antenna GNSS calibrata individualmente.

La monumentazione delle antenne è stata realizzata utilizzando pali in acciaio inossidabile o in calcestruzzo, ancorati alle strutture portanti degli edifici pubblici che ospitano le stazioni.

I dati grezzi che vengono acquisiti dalle diverse stazioni sono inviati al Centro di Calcolo, nel quale è installato un software per la gestione e l’elaborazione dell’intera rete in tempo reale.

Il centro di calcolo, partendo dalle coordinate note delle stazioni, elabora le osservazioni ricevute per:

  • stimare gli errori e i disturbi sulle singole stazioni
  • modellare gli errori e i disturbi nel tempo e nello spazio
  • distribuire all’utenza in tempo reale i dati e i modelli, in modo che questa possa correggere i propri dati

L’accesso a queste correzioni avviene attraverso internet (protocollo NTRIP), generalmente mediante l’utilizzo di modem GPRS/UMTS.

 

Clicca qui per accedere al portale

Clicca qui per scaricare il progetto della rete GNSS

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *