Categorie Certificazione energetica

Sostenibilità ambientale delle costruzioni, in vigore la UNI PDR 13/2019

Dal 9 luglio è in vigore la UNI PDR 13/2019: specifica i criteri per la valutazione della sostenibilità ambientale per edifici residenziali e non

Dal 9 luglio 2019 la Prassi di riferimento UNI DPR 13/2019 sostituisce la PDR 13/2015 ed il Protocollo Edifici Non Residenziali; le vecchie prassi/protocolli quindi non sono più valide per progetti che iniziano il loro iter dopo tale data.

La nuova UNI, in pratica, traduce in prassi il protocollo ITACA; infatti essa nasce dalla collaborazione tra UNI (ente italiano di normazione) e ITACA (istituto per l’innovazione e la trasparenza negli appalti e compatibilità ambientale).

La Prassi è suddivisa in tre parti:

  • UNI/PdR 13.0:2019 – Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità – Inquadramento generale e principi metodologici
  • UNI/PdR 13.1:2019 – Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità – Edifici residenziali
  • UNI/PdR 13.2:2019 – Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità – Edifici non residenziali

UNI PDR 13/2019

La parte 0

Il documento illustra l’inquadramento generale ed i principi metodologici e procedurali che sottendono al sistema di analisi multicriteria per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici, ai fini della loro classificazione attraverso l’attribuzione di un punteggio di prestazione.

La parte 1 e 2

I documenti specificano i criteri sui quali si fondano i sistemi di analisi multicriteria per la valutazione della sostenibilità ambientale rispettivamente degli edifici residenziali, e non, ai fini della loro classificazione attraverso l’attribuzione di un punteggio di prestazione.

Oggetto di ogni valutazione è un singolo edificio e la sua area esterna di pertinenza.

I documenti si applicano ai fini del calcolo del punteggio di prestazione di edifici, di nuova costruzione o oggetto di ristrutturazioni importanti che coinvolgano non la singola unità immobiliare, ma l’intero edificio.

Il protocollo ITACA

Il Protocollo ITACA, nelle sue diverse declinazioni, è uno strumento di valutazione del livello di sostenibilità energetica e ambientale degli edifici.

Tra i più diffusi sistemi di valutazione, il protocollo permette di verificare le prestazioni di un edificio in riferimento non solo ai consumi e all’efficienza energetica, ma prendendo anche in considerazione il suo impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo, favorendo così la realizzazione di edifici sempre più innovativi, a energia zero, a ridotti consumi di acqua, nonché materiali che nella loro produzione comportino bassi consumi energetici e nello stesso tempo garantiscano un elevato comfort.

Il protocollo garantisce inoltre l’oggettività della valutazione attraverso l’impiego di indicatori e metodi di verifica conformi alle norme tecniche e leggi nazionali di riferimento.

Il protocollo ha diverse finalità in relazione al suo differente uso: è uno strumento a supporto della progettazione per i professionisti, di controllo e indirizzo per la pubblica amministrazione, di supporto alla scelta per il consumatore, di valorizzazione di un investimento per gli operatori finanziari.

I principi su cui si basa lo strumento sono:

  • l’individuazione di criteri, ossia i temi ambientali che permettono di misurare le varie prestazioni ambientali dell’edificio posto in esame
  • la definizione di prestazioni di riferimento (benchmark) con cui confrontare quelle dell’edificio ai fini dell’attribuzione di un punteggio corrispondente al rapporto della prestazione con il benchmark
  • la “pesatura” dei criteri che ne determinano la maggiore e minore importanza
  • il punteggio finale sintetico che definisce il grado di miglioramento dell’insieme delle prestazioni rispetto al livello standard.

Clicca qui per scaricare la UNI/PdR 13.2:2019 – Edifici non residenziali

Clicca qui per scaricare la UNI/PdR 13.1:2019 – Edifici residenziali

Clicca qui per scaricare la UNI/PdR 13.0:2019 – Inquadramento generale e principi metodologici

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Mario Guerriero

Mario lavora in ACCA da giugno 2018. Collabora con la redazione di BibLus

Articoli recenti

Relazione tecnica CTU: compenso decurtato se depositata in ritardo!

La Cassazione chiarisce che se il CTU deposita la relazione tecnica in ritardo, anche di un solo giorno, il compenso…

12 ore ago

Revisione della rendita catastale, le regole della Cassazione

In caso di revisione della rendita catastale, l’atto di riclassamento deve chiarire in maniera dettagliata al cittadino il perché dell'aumento del…

12 ore ago

PUC: se vi è discordanza tra grafici e norme, prevalgono le norme

Secondo il Consiglio di Stato in caso di discordanza tra grafici e norme di un piano urbanistico comunale, PUC, la…

12 ore ago

E’ detraibile la sostituzione dei serramenti esterni?

Per le Entrate la sostituzione dei serramenti esterni è manutenzione straordinaria per cui è applicabile il bonus ristrutturazione (altro…)

13 ore ago

Sicurezza delle scuole: l’allarme di Legambiente

Legambiente lancia un allarme attraverso una lettera al Governo: il 40% degli edifici scolastici italiani ha bisogno di interventi di…

13 ore ago

Agevolazione prima casa anche in caso di possesso di altro immobile

Ok all'agevolazione prima casa nel caso si possieda già un altro immobile situato nello stesso Comune non acquistato con le agevolazioni e rivenduto…

13 ore ago