Slittano i tempi per l’approvazione del Testo Unico della Sicurezza: il Governo ritira la bozza

Il Governo “ha informalmente preannunciato il ritiro dello schema di Testo Unico della Sicurezza” che, nella versione approvata il 18 novembre 2004, era stato inviato alle competenti commissioni di Camera e Senato per il relativo esame.

Il Governo “ha informalmente preannunciato il ritiro dello schema di Testo Unico della Sicurezza” che, nella versione approvata il 18 novembre 2004, era stato inviato alle competenti commissioni di Camera e Senato per il relativo esame.
Nella seduta dello scorso 3 maggio, infatti, il Sen. Zanoletto, Presidente della Commissione Lavoro del Senato, ha comunicato che le “audizioni informali presso l’Ufficio di Presidenza, programmate nella seduta del 26 aprile 2005, relativamente allo schema di decreto legislativo recante il testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro non avranno più luogo, in quanto il Governo ha informalmente preannunciato il ritiro dello schema di decreto legislativo in questione, manifestando altresì la propria disponibilità a esplicitare nel corso delle prossime sedute le ragioni sottese a tale scelta”.
Il ritiro del provvedimento si deve, con tutta probabilità, alle numerose critiche pervenute da più parti ed al parere espresso dal Consiglio di Stato.

Documento Dimensione Formato
Bozza del Testo Unico sulla Sicurezza del lavoro (Ritirata dal Governo) 1,27 Mb PDF
Il parere del Consiglio di Stato sulla bozza di Testo Unico della Sicurezza 794 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *