Rischio scavi, la guida per ridurre i rischi nelle attività di scavo

Rischio scavi, le indicazioni tecnico-operative e le misure di prevenzione nella guida Inail per professionisti ed imprese

Nell’ambito delle lavorazioni edili, le attività di scavo e di movimentazione di terre e rocce possono rappresentare all’interno del cantiere un rischio per gli operai che lavorano manualmente o tramite l’utilizzo di macchine.

Al riguardo l’Inail ha pubblicato la guida “Riduzione del rischio nelle attività di scavo” utile per datori di lavoro, responsabili tecnici, dei servizi di prevenzione e protezione, committenti e addetti ai lavori in generale.

In particolare, la guida è un utile supporto per professionisti, per la redazione dei piani di sicurezza, ed imprese che possono trarre indicazioni operative e gestionali.

Il documento Inail contiene una prima parte introduttiva, in cui sono riportati i dati statistici sull’andamento degli infortuni e il quadro normativo.

Negli ultimi anni si è registrato a livello nazionale un graduale decremento del fenomeno infortunistico; espressione di una maggiore consapevolezza del rischio e di una più diffusa cultura della sicurezza e della prevenzione nei luoghi di lavoro.

In Italia non esistono norme esclusivamente dedicate alla prevenzione infortuni nell’esecuzione di scavi; tuttavia l’attività di scavo è oggetto di alcuni capi specifici della vigente normativa italiana sulla sicurezza nei cantieri, in particolare:

  • dlgs 81/2008 (Testo Unico sulla Sicurezza)
  • dm 14 gennaio 2008 (NTC 2008)

Tipologie di opere

Gran parte delle opere di ingegneria civile ed industriale prevedono lavori di scavo e movimentazione di terre e rocce, come attività preliminari o come parti integranti delle stesse.
Pertanto è importante pianificare correttamente la realizzazione delle opere, in base alle principali tipologie:

  •  scavi per opere di fondazione
  • costruzioni idrauliche e posa sottoservizi
  • costruzioni stradali e ferroviarie

Caratteristiche dei terreni e problemi di instabilità

Ai fini della sicurezza è di fondamentale importanza conoscere preliminarmente e dettagliatamente le caratteristiche fisico-meccaniche dei terreni interessati dalle attività di scavo per la realizzazione delle opere.

La guida descrive, sommariamente, le peculiarità geotecniche dei materiali (rocce e terre), da cui dipendono in massima parte le condizioni di tenuta delle pareti di scavo.

In particolare, analizza:

  • la meccanica dei terreni
  • la valutazione delle condizioni di stabilità dei terreni

caratteristiche-terreni

Fattori organizzativi

Il documento passa poi ad analizzare quelli che sono i reali fattori da tener presente:

  • procedure preliminari allo scavo
  • gestione della sicurezza e delle emergenze
  • formazione, informazione e addestramento del personale
  • controlli ed ispezioni interne
  • raccomandazioni importanti

Fattori ambientali

Prima di iniziare i lavori, il responsabile tecnico dell’attività dovrà effettuare un’attenta analisi della zona di scavo al fine di individuare tutte le misure di sicurezza da porre in essere; in particolare dovrà tener conto dei diversi fattori ambientali (naturali e/o antropici), quali:

  • condizioni meteorologiche
  • scavi in presenza di acque
  • presenza di canalizzazioni di servizio
  • scavi in prossimità di strutture edilizie esistenti
  • rischi per la caduta di detriti
  • rischi da polveri ed altre sostanze aerodisperse
  • macchine operatrici
    • pericolo di investimento dei lavoratori
    • ribaltamento ed uso improprio
    • rumorosità delle macchine

Opere provvisionali di sostegno e sistemi di protezione

In generale, quando si realizza uno scavo, occorre prima verificare se necessitano opere di sostegno, quali:

  • opere di contrasto e di sostegno (armature, contrafforti e puntelli)
  • protezioni blindate
  • palancole metalliche
  • sistemi di protezione e di accesso allo scavo (parapetti, passerelle e rampe, scale)

Dinamica dell’evento con 3 casi studio

Vengono presentati 3 casi relativi ad incidenti sul lavoro realmente accaduti, per sottolineare l’esigenza della prevenzione:

Caso 1 – Posa tubazioni di fognatura

Caso 2 – Inumazione in cimitero

Caso 3 – Ripristino impermeabilizzazione di locali interrati in trincea

Per ogni esempio vengono descritti il tipo di attività e il tipo di terreno. Segue una breve descrizione dell’evento, le conseguenze, i risultati delle ispezioni e, infine, come prevenire l’incidente.

Tecniche alternative di scavo

Un riferimento viene fatto alle nuove tecniche di scavo, con particolare riguardo alla posa dei cavi e sottoservizi.

  • tecnologie “no dig
  • perforazioni orizzontali non guidate

I cantieri stradali e i rischi di natura elettrica

Alla luce del mutato quadro normativo vengono approfonditi gli aspetti operativi della gestione della sicurezza degli addetti ai lavori relativamente a:

  • scavi e cantieri stradali
  • rischi di natura elettrica nelle attività di scavo

 

In appendice, un riepilogo delle principali disposizioni legislative in materia di prevenzione infortuni nelle costruzioni.

 

Clicca qui per scaricare la guida Inail

Clicca qui per conoscere CerTus-SCAVI

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *