Sicurezza degli ascensori: obbligatori verifiche e adeguamenti

Sulla Gazzetta Ufficiale n.189 del 17 agosto 2009 è stato pubblicato il Decreto del ministero dello Sviluppo economico " Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE ".

Sulla Gazzetta Ufficiale n.189 del 17 agosto 2009 è stato pubblicato il Decreto del ministero dello Sviluppo economico “Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE“.
Il provvedimento, in vigore dal 1° settembre 2009, prevede interventi sugli ascensori installati e posti in esercizio prima del 1999, da attuarsi in modo selettivo in funzione della situazione di rischio riscontrata su ogni impianto.

I destinatari del provvedimento sono:

  • proprietari degli impianti, amministratori, associazioni di piccoli proprietari immobiliari;
  • imprese che effettuano manutenzione, riparazione e ammodernamento di ascensori;
  • ASL e Ispettorato del lavoro

Il provvedimento prevede che il responsabile dell’impianto, in occasione della prima verifica periodica già programmata dall’Organismo che ha in affidamento l’ascensore, concordi l’effettuazione di una verifica straordinaria finalizzata alla realizzazione di un’analisi delle situazioni di rischio presenti nell’impianto.

La verifica straordinaria deve essere eseguita:

  • entro il 1 settembre 2011 per gli ascensori installati prima del 15 novembre 1964
  • entro il 1 settembre 2012 per gli ascensori installati prima del 24 ottobre 1979
  • entro il 1 settembre 2013 per gli ascensori installati prima del 9 aprile 1991
  • entro il 1 settembre 2014 per gli ascensori installati prima del 24 giugno 1999

L’ente che ha effettuato o approvato l’analisi dei rischi, prescrive i conseguenti interventi di adeguamento sull’impianto, che dovranno essere tassativamente attuati entro i termini previsti:

  • cinque anni dalla data di esecuzione dell’analisi dei rischi per le situazioni di rischio riportate nella tabella A allegata al provvedimento;
  • dieci anni dalla data di esecuzione dell’analisi dei rischi per le situazioni di rischio riportate nella tabella B allegata al provvedimento.

Le situazioni di rischio riportate nella tabella C, invece, potranno essere eliminate in occasione di interventi di modernizzazione successivi, di significativa entità.

Clicca qui per scaricare il testo del provvedimento e i relativi allegati

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *