Si definitivo alla Certificazione Energetica

Il Consiglio dei ministri ha approvato, in via definitiva, il decreto legislativo di recepimento della Direttiva Europea 2002/91 sul rendimento energetico nell’edilizia.

Il Consiglio dei ministri ha approvato, in via definitiva, il decreto legislativo di recepimento della Direttiva Europea 2002/91 sul rendimento energetico nell’edilizia.
Dal gennaio 2006, quindi, gli immobili dovranno essere dotati dell’ “attestato di certificazione energetica”, che ne attesti i livelli di consumo di energia.
Ricordiamo che la certificazione sarà obbligatoria:

  • per le nuove costruzioni;
  • per gli edifici esistenti nel caso di ampliamenti superiori al 25% della volumetria originaria;
  • per gli edifici esistenti di superficie complessiva superiore a 1000 mq, in caso di ristrutturazioni.

Il testo approvato prevede una fase transitoria, della durata di 5 anni, durante la quale il fabbisogno energetico di un edificio potrà essere autocertificato sulla base dei consumi attestati dalle aziende di distribuzione dell’energia.
Nuovi obblighi anche per il direttore dei lavori il quale, al termine della costruzione, dovrà attestare la conformità delle opere realizzate alle scelte effettuate in fase di progettazione finalizzate al contenimento del fabbisogno energetico.
Non resta che attendere la pubblicazione del provvedimento, che dovrebbe essere imminente.
Nel frattempo occorre segnalare che il Ministero delle Infrastrutture ha emanato il Decreto 27 luglio 2005 recante: «Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia» (GU n. 178 del 2-8-2005 è stato pubblicato).
Tale provvedimento, emanato ai sensi legge 9 gennaio 1991, va a sovrapporsi, almeno parzialmente con disposizioni analoghe ma non identiche, al decreto legislativo di recepimento della Direttiva Europea 2002/91 in attesa di pubblicazione.
Per trovare piena applicazione, comunque, il Decreto del 27 luglio 2005 necessita di apposite istruzioni tecniche che dovranno essere predisposte dal Servizio tecnico centrale del Consiglio superiore dei lavori pubblici.

Documento Dimensione Formato
Testo dello schema di D.L. approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri 2,27 Mb PDF
Direttiva 2002/91 132 Kb PDF
Decreto del Ministero delle Infrastrutture 27 luglio 2005 307 Kb ACCAreader
Allegato I Decreto del Ministero delle Infrastrutture 27 luglio 2005 74 Kb PDF

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *