Schede di valutazione dei danni post sisma: ai lettori di BibLus-net l’applicativo per la compilazione, archiviazione ed invio

In Gazzetta Ufficiale n.113 del 17 maggio 2011 è stato pubblicato il D.P.C.M. del 5 maggio 2011 che approva i modelli per il rilevamento dei danni da sisma (AeDES).

In Gazzetta Ufficiale n.113 del 17 maggio 2011 è stato pubblicato il D.P.C.M. del 5 maggio 2011 che approva i modelli per il rilevamento dei danni da sisma (AeDES).
Ricordiamo che nell’emergenza post terremoto risulta prioritario

  • individuare e classificare i danni;
  • definire l’agibilità degli edifici (quali costruzioni possano essere utilizzate e quali costituiscano un rischio per la popolazione);
  • predisporre i provvedimenti pronto intervento.

Il Decreto approva le Schede Aedes che saranno adottate da Amministrazioni dello Stato, Regioni, Province autonome di Trento e Bolzano ed enti locali in caso di sisma per il rilevamento speditivo dei danni e per valutare l’agibilità degli edifici e i provvedimenti relativi.
Inoltre, Stato e Regioni potranno creare appositi elenchi di tecnici abilitati per le campagne di sopralluogo post-sisma.

ACCA software, sempre attenta alle esigenze dei tecnici, mette a disposizione dei lettori di BibLus-net un applicativo gratuito per la compilazione, l’archiviazione e la trasmissione telematica delle schede di rilevamento post sisma. In allegato al presente articolo proponiamo la versione CLIENT, che può essere utilizzata gratuitamente su qualsiasi PC.

NB: Qualora le Pubbliche Amministrazioni fossero interessate alla parte SERVER dell’applicativo possono contattare ACCA software S.p.A. al numero telefonico 0827/69504 o via mail all’indirizzo info@acca.it.

Clicca qui per scaricare gratutitamente l’applicativo ACCA_AeDES-Client
Clicca qui per scaricare il D.P.C.M. con le schede di valutazione

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *